Imparare e Insegnare la Storia con le Canzoni

La musica è un ottimo sistema di apprendimento. Quindi perchè non cercare canzoni che parlino di eventi storici per aiutarci a memorizzarli meglio (o aiutare i nostri studenti a imparare più velocemente e felicemente). Per fare finta che si parli di GdR e quindi usare questo articolo come contributo per il Vecchio Carnevale Blogghereccio, vi dico che potreste usare anche roll20.
Ok, il tema era la guerra, ma alla fine quando si studia Storia si studiano anche le guerre, no? Quindi ecco una collezione di canzoni, musiche e brani che si riferiscono a eventi storici realmente accaduti. Ho provato a suddividere tutto per periodo storico. Ovviamente se vi viene in mente altro, suggeritemelo e io vi ringrazierò molto.

Certo, per il tema guerra avrei potuto scrivere altro, ma ho già fatto un regolamento di guerra per D&D 3.5, un regolamento per battaglie campali in D&D 5e, un regolamento per gestire lo spionaggio e uno anche per la gestione del feudo con relativi duelli e possibili rivolte. Insomma, ora anche basta.
Inoltre avevo promesso a mia moglie questa lista, in modo che potesse propinare canzoni ai propri studenti per attirare la loro attenzione e poi stordirli con la spiegazione storica.
Quindi eccoci qua.

Canzoni a Tema Storico

Giusto per dare un limite alla faccenda, altrimenti farebbe prima la Lega a restituire i 49 milioni, ho deciso di mettere solo canzoni che raccontano fatti storici. Quindi non canzoni che caratterizzano un periodo storico (tipo Faccetta Nera, per dire) e nemmeno canzoni di guerra generiche (La guerra di Piero non ci sarà, per esempio) e niente canzoni su tematiche storicamente interessanti come mitologia e dintorni, ma non propriamente storiche.

Ho messo anche canzoni che non mi piacciono, quindi non è che vi sto davvero consigliando tutta questa roba (a parte i Sabaton e Guccini, lì andate sul sicuro). Questo è solo un raccoglitore e poi vedete voi cosa vi piace, cosa vi interessa e cosa vi serve.

Ovviamente non penso di essere onnisciente (e neanche omnivedente, per chi segue le nuove traduzioni di D&D), quindi se vi sembra che manchi qualcosa, scrivetemelo che lo aggiungo al volo (‘s guide to monsters).

Comunque ribadisco: per spiegare battaglie e guerre, usare Roll20 può essere comodo perché potere spostare le truppe sul momento, mettere simboli e flag su di esse e fare disegnetti al volo.

ho scelto un’immagine in cui è presente la parola guerra, così sono in tema

Storia Greca

Iron Maiden – Alexander the Great: Alessandro Magno. Morto nel 323 AC.

Sabaton – Sparta : Battaglia delle Termopili 279 AC

Storia Romana

Almanegretta – Annibale: Canzone sul generale cartaginese.

Classic Shee – Gaio Cracco – Liberi: La battaglia politica di Gaio Gracco.

Classic Sheee – Catone Censore – Carthago: Il famoso discorso “Carthago Delenda Est”. (157 AC)

Classic -Shee – Scipione Emiliano – Sale Grosso: La distruzione di Cartagine del 146 AC.

Classic Shee – Cicerone – Fvck Yov: Insultare Cicerone è sempre cosa buona e giusta.

Classic Shee – Catilina – Cannibale: Le Catilinarie dal punto di vista di Catilina.

Classic Shee – Marco Antonio – Vita da Basileo: La vita di Marco Antonio.

Classic Sheee – Giulio Cesare – Idi Di Marzo: La morte di Caio Giulio Cesare. 44 AC.

Classic Shee – Orazio Flacco – Carme Secolare: La Vita del poeta Orazio Flacco.

Classic Shee – Seneca – Lettera A Lucilio: Come dice il titolo.

Classic Shee – Ovidio – Relegatio Love: Vita e opere di Ovidio.

Ex Deo – Teutoburg: La disfatta di Teutoburgo. 9 DC

Ex Deo – Caligvla: L’imperatore Caligola.

Classic Sheee – Seiano – La Vita Del Princeps: La vita del politico e militare alleato di Tiberio.

Classic Sheee – Claudio – Non Ho Più Paura: La vita di Tiberio Claudio Cesare Augusto Germanico. Regno: 41-54 DC.

Classic Sheee – Nerone – Istrionico Demagogo: La vita di Nerone

Classic Sheee – Vespasiano – Candide Vesti: La vita dell’imperatore Vespasiano.

Classic Sheee – Tito – Amore E Delizia: L’imperatore Tito.

Classic Sheee – Plinio Il Vecchio – Per La Scienza: La morte di Plinio il Vecchio. 79 Dc.

Classic Sheee – Domiziano – Dominvs Et Devs: L’imperatore Domiziano.

Medioevo

Charles Martel – Folkearth lyrics: Carlo Martello e la battaglia di Ambleve. 716

De André – Carlo Martello Ritorna dalla Battaglia di Poitiers: Non molto storica, ma almeno un riferimento c’è. 732

Sabaton – Blood of Bannockburn: Battaglia di Bannockburn. Lotta degli scozzesi per l’indipendenza dall’Inghilterra. 

Grave Digger – Rebellion: Sulle rivolte di Wallace.

Civil War – Braveheart: Sempre Wallace.

Arcade Fire – Joan of Arc: Giovanna d’arco, figura emblematica della Guerra dei 100 anni.

Caparezza – Sono il tuo Sogno Eretico: Canzone su tre personaggi, tra cui Giovanna d’Arco e Savonarola.

Savatage – The Wake of Magellan: Intero album su Magellano con parallelismi tra lui e alcuni episodi contemporanei.

Luc Plamondon – Il Tempo delle Cattedrali: Introduzione del musical Notre-Dame de Paris (traduzione in italiano dall’originale francese (che è più bella)). Panoramica storica sugli eventi significativi precedenti e immediatamente futuri.

Età Moderna 

Iron Maiden – Run to the Hills: La colonizzazione delle americhe dal punto di vista dei nativi.

Sabaton – The Last Stand: La Guardia Svizzera protegge il vaticano durante il Sacco di Roma. 1527.

Sabaton – The Lion From the north: Gustavus Adolphus, Re Svedese del XVII secolo.

Caparezza – Sono il tuo Sogno Eretico: Canzone su tre personaggi, tra cui Giordano Bruno.

Sabaton – A Lifetime of War: Inizio della guerra dei 30 anni. 1618.

Sabaton – Got Mit Uns: Battaglia di Breitenfeld. 1631.

Sabaton – 1648: Assalto svedese a Praga. Ultimo atto della guerra dei 30 anni. 1648

Sabaton – Carolus Rex: Carlo XII di Svezia. 

Sabaton – Winged Hussars: L’assedio di Vienna del 1683, sventato anche grazie all’intervento dei Polacchi e dei loro Ussari Alati. 

Sabaton – Killing Ground: La battaglia di Fraustadt tra svedesi e Sassonia-Polonia 1706.

Sabaton – Poltava: Re Carlo XII di Svezia viene sconfitto nella battaglia di Poltava nel 1709 per mano dei russi.

Sabaton – Long Live the King: Carlo XII di Svezia muore nell’assedio di Fredriksten.

Rush – Bastille Day: La presa della Bastiglia del 1789.

Età Contemporanea

Dropkick Murphys – Fields of Athenry: La grande carestia irlandese e la dura risposta penitenziaria.

Iron Maiden – The Trooper- Battaglia di Balaclava 1854.

Sabaton – Shiroyama: La battaglia di Shiroyama, l’ultima battaglia in cui parteciparono dei samurai. 1877

Sabaton – Rorke’s Drift: Resistenza dei britannici all’astalto degli zulu in Sud-Africa. 1879.

Guccini – La Locomotiva: Un Attentato-suicidio di probabile matrice anarchica. 1893.

Prima Guerra Mondiale

E. A. Mario – La Leggenda del Piave: La prima guerra mondiale dal punto di vista del fiume Piave.

Sabaton – Sarajevo: L’atto iniziale della guerra con l’attentato a Francesco Ferdinando.

Sabaton – The Last Dying Breath: La disastrosa invasione della Serbia da parte dell’impero Austro-ungarico.

Sabaton – Race to the Sea: Battaglia fluviale di Yser in cui i belgi frenano i tedeschi. 16 ottobre 1914.

Sabaton – Christmas Truce: Una tregua per Natale del 1914.

Sabaton – Lady of the Dark: Milunka Savić, una sorta di Mulan serba pluridecorata.

Sabaton – The Red Baron: Il Barone Rosso. 

Sabaton – Hellfighters: Il reggimento 369 composto principalmente da afroamericani e portoricani e la loro discriminazione.

Sabaton – Angels Calling: Durante la prima guerra mondiale si va delineando un nuovo modello di conflitto, basato sulle trincee e noto come guerra di posizione.

Sabaton – The Unkillable soldier: Sir Adrian Carton de Wiart, generale belga, naturalizzato tedesco.

Sabaton – Great War: Una canzone sulla prima guerra mondiale.

Sabaton – The Attack of Dead Man: I tedeschi ricorrono a gas tossici durante una battaglia contro i russi. 6 agosto 1915.

Sabaton – Fields of Verdun: La cruenta battaglia di Verdun. 21 febbraio 1916.

Motorhead – 1916: Sulle giovani reclute (utile parallelismo coi nostri ragazzi del ’99 dell’anno successivo).

Sabaton – Soldier og Heaven: Battaglia di Col di Lana sulle alpi italiane. 17 aprile 1916.

Lee Kernaghan – Spirit of the Anzacs: Truppe australiane e neozelandesi in Europa.

Sabaton – Dreadnought: Battaglia dello Jutland, tra Regno Unito e Germania, combattuta nel Mare del Nord. 31 maggio 1916.

Sabaton – The Future of Warfare: L’introduzione dei carri armati come mezzo bellico. Battaglia di Flers-Courcelette. 15 settembre 1916.

Sabaton – Seven Pillars of Wisdom: Lawrence d’Arabia e il suo supporto alla Rivolta Araba.

Sabaton – In Flanders Fields: Poesia di John McCrae. Poeta, medico militare e ufficiale di artiglieria. 

Sabaton – Gallipoli: tra il 1916 e 1917 la battaglia di Gallipoli fu il tentativo di conquista di istanbul (Gallipoli è anche una città Turca, spoiler)

Lee Kernaghan – We’ll Take Beersheba: 1917, battaglia di Beersheba.

Sabaton – The Price of a Mile: Battaglia di Passchendaele nelle Fiadre. Tedeschi contro Francia, Belgio e Inghilterra. 1917

Sabaton – The Battle of Death: Battaglia di Doiran, in cui i bulgari frenano l’avanzata inglese. 22 aprile 1917.

Sabaton – The Lost Battallion: Nell’Argonne un battaglione di americani si trova isolato. 1918.

Sabaton – Devil Dogs: Assalto dei marines contro i tedeschi nei boschi di Belleau.

Sabaton – 82nd All the Way: Scontro tra gli americani e i tedeschi. 

Sabaton – Steels Commander: Una delle più clamorose disfatte dell’esercito tedesco durante la prima guerra mondiale. 8 agosto 1918.

Sabaton – Ghost in the Trenches: Francis Pegahmagabow. Uno dei più famosi cecchini della prima guerra mondiale.

Sabaton – Versailles: Trattato di Versailles del 28 giugno del 1919. Conclusione della guerra.

Tra le due Guerre

Hail of Bullets – The Mukden Incident: L’attentato organizzato dai giapponesi contro loro stessi per poter incolpare i cinesi e attaccarli. 1931.

Sabaton – Rise of Evil: la crescita e il consolidamento del partito nazista nel 1933.

Sabaton – Wehrmacht: Riforma dell’esercito tedesco del 1935.

Sabaton – The Final Solution: Notte dei Cristalli 1938.

Seconda Guerra Mondiale

Hail of Bullets – [The Rommel Chronicles]: Un intero album sulle gesta di Rommel.

Sabaton – 40:1 : la resistenza polacca all’invasione tedesca nel 1939

Sabaton – Talvisota: Scontro tra Finlandia e Russia nell’inverno del 1939

Sabaton – Withe Death: La morte bianca, incredibile cecchino finlandese della guerra dell’inverno del ’39

Sabaton – Ghost Division: La settima divisione di panzer tedeschi, nota per la sua letale agilità durante l’invasione belga e francese del 1940.

Sabaton – Coat of Arms: il tentativo di invasione della Grecia da parte dell’Italia nel 1940.

Sabaton – Aces In Exile: Molti piloti non britannici (tra cui vari esiliati tedeschi) si arruolano nella RAF contro gli attacchi nazisti.

Sabaton – Resist and Bite: Resistenza Belga all’invasione nazista.

Sabaton – Night Witches: Un reggimento russo di bombardiere notturne esclusivamente femminile che combatte contro i nazisti (fondato nel 1941).

Hail of Bullets – Nachthexen: Lo stesso reggimento di cui sopra.

Sabaton – Bismark: Nave tedesca affondata durante una battaglia contro i britannici il 7 maggio 1941.

Sabaton – Defence of Moscow: La difesa di Mosca dall’assalto nazista. 2 ottobre 1941.

Sabaton – Stalingrad: Battaglia di Stalingrado del 1942.

Hail of Bullets – The Crucial Offensive: La battaglia di Stalingrado del 19 novembre 1942.

Hail of Bullets – Stalingrad: la rotta dopo la battaglia di Stalingrado.

Sabaton – Wolfpack: 1942 degli ubot nazisti su un convoglio britannico.

Sabaton – Midway : La battaglia di Midway  tra USA e Giappone nel pacifico. 1942.

Stormi Six – Stalingrado/La Fabbrica: Parallelismo tra la battaglia si Stalingrado e gli scioperi italiani sotto il fascismo.

Sabaton – Primo victoria: Canzone sullo sbarco in Normandia (6 giugno 1943).

Iron Maiden – The Longest Day: Anche questa sullo sbarco in Normandia.

Sabaton – Saboteur: Gruppo di sabotatori blocca la produzione di un’atomica da parte dei nazisti

Sabaton – Firestorm: Operazione Gomorra. Il bombardamento di Amburgo da parte degli alleati

Sabaton – Panzerkampf: Un’enorme scontro tra carri armati russi e tedeschi, risoltosi con una sconfitta di questi ultimi. 

Sabaton – No Bullets Fly: Episodio di generosità tra piloti nella seconda guerra mondiale.

Guccini – Auschwitz: Sulle atrocità dei campi di concentramento.

Guccini – Lager: Come sopra.

Sabaton – Innmate 4859: Soldato polacco si fa imprigionare a Auschwitz per portare avanti operazione di intelligence. 

I Gufi – La Badoglieide: Critica al governo Badoglio.

Sabaton – Union [Slopes Of St. Benedict]: Battaglia di Monte Cassino, gli alleati attaccano avamposti tedeschi in Italia. 1944

Sabaton – Uprising: La rivolta di Varsavia nel 1944 contro gli occupanti nazisti.

Sabaton – Screaming Eagles: Una divisione aerea USA combatte contro i nazisti nell’assedio di Bastogne.

Pink Floyd – When the Tigers Broke Free: sulla morte del padre del cantante ad Anzio nel 1944.

Modena City Ramblers – L’Unica Superstite: Una rappresaglia tedesca in seguito a un attacco partigiano.

Sabaton – Smoking Snakes: Montese (MO), un contingente di brasiliani si scontra contro una forza nazista di gran lunga superiore in numero. 1945.

Sabaton – Attero Dominatus: La presa di Berlino da parte dei sovietici (1945).

Sabaton – The Last Battle: Recupero ostaggi francesi verso la fine della seconda guerra mondiale. 5 maggio 1945.

Sabaton – Nuclear Attack: La bomba atomica viene sganciata su Hiroshima.

Sabaton – Hearts of Iron: Battaglia di Berlino 1945.

Seconda metà del XX secolo

Iron Maiden – 2 Minutes to Midnight: Il cosiddetto Orologio dell’Apocalisse, metafora del pericolo di disastro atomico.

Modena City Ramblers – Per I Morti di Reggio Emilia: La polizia massacra manifestanti inermi durante una manifestazione. 7 luglio 1960.

Civil War – Bay of Pigs: Invasione della Baia dei Porci. 1961.

Sabaton – To Hell and Back: La storia di Audie Murphy, soldato americano pluridecorato e la sua lotta contro la sindrome da stress post traumatico.

Black Sabbath – War Pigs: Gli interessi politici nella guerra del Vietnam.

Gianni Morandi – C’era un Ragazzo: Critica della guerra in Vietnam.

Guccini – L’Atomica Cinese: La prima bomba atomica fatta esplodere dalla Repubblica popolare cinese.

Sabaton – Camuflage: La guerra in Vietnam.  1965.

Sabaton – Counterstrike: Guerra dei sei giorni 1967

Guccini – Stagioni: Sulla morte di Ernesto “Che” Guevara.

Guccini – La Primavera di Praga: Insurrezione della Cecoslovacchia verso il governo sovietico.

Paolo Pietrangeli – Contessa: Non che ci siano proprio riferimenti specifici, ma è un inno del ’68 e delle rivolte di quegli anni.

Joe Fallisi – Ballata per l’anarchico Pinelli: Un anarchico sospettato della strage di Piazza Fontana, muore in circostanze poco chiare durante un duro interrogatorio della polizia. Dicembre 1969.

Modena City Ramblers – Quarant’anni: Critica a varie magagne italiane, da Piazza Fontana alla P2.

Sabaton – Into The Fire: Uso del Napalm durante la guerra del Vietnam (verosimilmente quindi il decennio conclusivo: 1965-1975).

Sabaton – Back in Control: L’argentina invade le Falkland per reclamarne il possesso. 1982.

Modena City Ramblers – I Funerali di Berlinguer: La morte del Segretario del Partito Comunista Italiano nel 1984.

The Levellers – Another Mans Cause: Sempre guerra delle Falkland.

Sabaton – Hill 3234: I sovietici combattono in Afghanistan. 

Sabaton – Reign Of Terror: Guerra del Golfo 1990.

Sabaton – We Burn: Genocidio perpetrato tra il 1992 e 1995 da  Radovan Karadzic durante la guerra in Bosnia

Il Teatro degli Orrori – A Sangue Freddo: Sulla morte dell’attivista nigeriano Ken Saro Wiwa.

Storia recente 2000+

Guccini – Piazza Alimonda: Le proteste per il G8 di Genova e i tragici epiloghi.

Sabaton – In the name of god: 11 settembre 2001

Sabaton – Panzer Battalion: 2003, gli Usa attaccano l’Iraq.






Per ora è tutto, però davvero, se vi vengono in mente altre canzoni con cu si possa insegnare o imparare la Storia, non esitate e segnalatemele! Come vedete i punti deboli sono la Storia Greca, Storia Romana, un pochino il Medioevo, l’Europa (e l’Italia) dopo la seconda guerra mondiale e l’attuale millennio.

Se vi piace leggere articoletti che non riguardano strettamente i Giochi di Ruolo, c’è una bellissima sezione apposita.

Ricordatevi di partecipare al Vecchio Carnevale Blogghereccio (qua le indicazioni per partecipare e la descrizione del tema del mese) magari rimanendo più in tema di me!

Punti Ferita – Solo Fatica o Vere Ferite? – Non solo D&D

In D&D e GdR simili (quindi 5e, 3.5, ma anche Pathfinder e altri giochi di ruolo del genere) i sono due grandi correnti di pensiero riguardo i PF: i punti ferita rappresentano veri e propri colpi a segno, con schizzi di sangue, ossa rotte e tutto il resto; oppure in realtà minano solo la resistenza del PG, stancandolo ed esaurendolo, finché non si arriva ai colpi finali, quelli che mandano ko, a zero PF, e solo questi sono veri colpi a segno. Per supportare la seconda, spesso si tira in causa il nome inglese dei punti ferita: Hit Point (HP) e quindi “punti colpo” senza nessun rimando a vere e proprie ferite.
Qual è il modo giusto, più sensato e verosimile di intendere i punti ferita? Cosa rappresentano nel gioco di ruolo? Quali sono le conseguenze di ogni interpretazione?

Sì, avevo ospitato un articolo di Dietro allo Schermo (questo) su un argomento simile, ma dovevo pur dire la mia, no? Cerchiamo quindi di vedere un po’ le due differenti interpretazioni, valutandone i pro e i contro.

Punti Ferita come Vere Ferite

Colpo a segno: la spada lacera le carni del vostro compagno, provocando uno schizzo di sangue che vi investe tutti. Il malvagio spadaccino lecca il rosso liquido dalla sua lama letale sogghignando. Sono 18 danni.
Dai, non neghiamolo: ha un suo fascino immenso fare descrizioni del genere. Però abbiamo una serie di problemi non trascurabili.

Riposo – Una buona notte di sonno e passa tutto

Soprattutto in D&D 5e, dove con una notte di sonno si recuperano tutti i punti ferita, questo approccio mostra i suoi limiti: uno va a letto con il petto squarciato, un braccio rotto, quattro frecce in pancia e il viso ustionato, ma poi si sveglia fresco come una rosellina. Diciamo che la faccenda può creare qualche difficoltà nella narrazione, facendo inarcare più di un sopracciglio negli ascoltatori.

In D&D 3.5 la questione sarebbe un po’ meno impressionante, visto che (a memoria) si recuperano al massimo 3 PF per Dado Vita ogni giornata di riposo completo, senza uso di magia, ma solo con cure normali. Comunque sia, potremmo recuperare facilmente la nostra piena forma fisica in 3-4 giorni. Insomma, non siamo Wolverine, ma abbiamo una velocità di guarigione spontanea davvero impressionante.

Effetto Puntaspilli

Non so voi, ma dopo la ventesima freccia che ci colpisce in pieno petto ((1d8+3)x20 = 150 PF di media. Nulla di impossibile a livelli abbastanza alti, anzi) inizio a visualizzarmi il personaggio come una sorta di cosplayer estremo di un istrice. Cioè, dove stanno tutte quelle frecce? Non ci intralciano il movimento? Non sembriamo terribilmente ridicoli? Poi quando le togliamo facciamo una scena tipo i personaggi dei cartoni animati che cadono nei cactus?

Non so, sarà un’obiezione sterile, ma usa situazione del genere io faticherei a prenderla sul serio. Il che ci porta al prossimo punto.

Sospensione dell’incredulità e Realismo

Molti cercano il realismo. Ok, in un GdR probabilmente è un po’ troppo come pretesa. Anche in GURPS o Rolemaster (sistemi molto dettagliati e verosimiglianti) non si può andare più in là di tanto, altrimenti dovremmo fermarci di continuo ad aprire libri di fisica, fare calcoli astrusi e via dicendo.

Io preferisco parlare di soglia di sospensione dell’incredulità. Ovvero quando succedono cose così assurde che non riesco più a immergermi nel flusso della narrazione perchè mi pare tutto troppo inverosimile. Naturalmente questa soglia è soggettiva.

Tuttavia per molte persone avere un guerriero (per quanto forte e via dicendo) che si prende in pieno volto il colpo di uno spadone brandito da un gigante alto 10 metri e che dopo questo attacco continua a combattere come nulla fosse, beh, per alcuni è un po’ troppo.

Tutto questo senza tirare in ballo i famosi danni da caduta, scoglio in cui si infrangono migliaia di discussioni prima di arenare nella baia della sterilità (ne ho parlato diffusamente qui, se volete).

Insomma, poter reggere tutti quei danni, visto che i PG restano in fondo degli umani (inteso come comuni mortali) è spesso ritenuto causa della rottura della sospensione dell’incredulità. Senza contare che in PF e D&D non ci sono penalità per le ferite, quindi quanto hai un solo punto ferita su 300 combatti esattamente come quando ne hai 299.

Punti Ferita Come Esaurimento

Questa interpretazione va molto di moda ultimamente, specialmente nella fascia di giocatori “di lunga data”. In pratica ogni attacco “a segno” non è andato veramente a segno, ma ha solo ridotto la resistenza (la fortuna, il vigore, la capacità di proteggersi, dite come cacchio volete) del personaggio. Per cui, una volta arrivato in prossimità dei fatidici 0 PF, il successivo colpo sarà una vera e propria ferita. Sembra mettere a posto un po’ tutti i problemi elencati sopra (anche se magari anche recuperare una singola ferita grave in una sola notte può essere comunque troppo, ma non facciamo i fiscali: non siamo scontrini). Però sorgono altre questioni.

Effetti aggiuntivi al colpo

Spesso un colpo a segno comporta solo danni ai PF e fine. Però esistono una serie di attacchi con effetti aggiuntivi strettamente dipendenti dall’aver messo realmente il colpo a segno. Ad esempio i veleni. Oppure gli effetti di spinta, blocco del movimento, caduta e via dicendo (Sentinel, Grosso e al Comando, ecc). Ma anche la possibilità di incanalare incantesimi con il colpo. Oppure varie manovre del Battle Master (o del Tome of Battle, se giocate 3.5), dotate della capacità di infliggere status negativi quando si colpisce il proprio avversario.

Se non si è veramente colpito, come si giustifica la presenza di questi effetti aggiuntivi al colpo? Non dico sia impossibile, eh. Il veleno potrebbe essere messo in circolo tramite una piccola ferita superficiale, la spinta potrebbe derivare dallo spostamento d’aria o da un colpo terribile dato sul terreno e via dicendo. Però non sempre è immediato e talvolta la toppa potrebbe essere perfino peggio del buco (se basta lo spostamento d’aria a spingere, perchè non posso farlo su 5 avversari vicini solo colpendo l’aria sopra di loro? Se basta un graffio superficiale per far entrare il veleno, posso lanciare la bottiglietta tipo gavettone su un nemico già ferito?).

Danni impossibili da Schivare

Sì, non sempre è possibile schivare; e non sto parlando dello scontro tra due bestioni enormi e goffi o tra due guerrieri impaludati in gigantesche armature (in cui sì, in effetti è strano che riescano a schivare così di frequente).

Parlo di cose ancor più insensate: come un PG che voglia nuotare sul fondo di una vasca piena di acido (non sto citando quella schifezza di Vox Machina), di una grande caduta, dell’essere schiacciati in una trappole e via dicendo. Il Personaggio è palesemente esposto al colpo e lo subisce interamente. Raccontare l’immersione nell’acido dicendo che il PG evita di essere bruciato, suonerebbe molto più ridicolo di un’ustione che si rimargina in poco tempo.

Cosa Stiamo Curando?

Come dice Dietro Allo Schermo, se i primi PF sono solo perdita di fortuna, vigore, fiducia e energia, il cura ferite cosa fa? Sente quello di cui hai bisogno e te lo fornisce? Poi però cura solo i PF, veleni, malattie, stanchezza, ecc no.
Non so voi, per me non è il massimo.

Effetto Bellosguardo

Abbiamo creato un elfo ranger arciere. Un classico. Siamo dei cecchini. Infallibili. Tuttavia abbiamo deciso di non descrivere i colpi a segno come ferite, ma solo come colpi di striscio che affaticano il bersaglio. Quindi noi ci ritroviamo a mancare ogni attacco. Da cecchini diventiamo ciechini. Come Bellosguardo, appunto. Questo potrebbe essere tanto frustrante quanto ridicolo.

Quindi che metodo usare?

Lo so, ora siete tutti qua a pendere dalle mia labbra chiedendomi “sommo nerdcoledì! (sommo è la contrazione di sommaro) “dicci tu allora qual è il metodo giusto”. (no, eh?)

Tuttavia io farò come il tizio di Sailor Moon, dicendo che il mio lavoro qua è terminato.

Sul serio: non conosco metodi giusti. Per quanto mi piaccia l’approccio con tanto di HR di Dietro Allo Schermo (che abbiamo ospitato qua proprio per parlare di PF), io vedo delle difficoltà in ogni metodo.
Per cui il mio consiglio è quello di provarli entrambi e usare quello che sembra più adatto al vostro gruppo, magari mescolandoli un po’.



Se non siete stanchi dei miei sproloqui, parlo di teorie e approfondimenti generici sulle regole dei GdR in questi articoli.
Se siete stanchi, potreste guardare la sezione D&D 5e.

Nuove Sottoclassi per il Ladro – D&D 5e

Ladri. L’astuto lestofante che scivola furtivo nell’ombra, l’agile e scattante esploratore di dungeon pronto a scoprire ogni trappola o pericolo, il manipolatore di persone e di poteri mistici trafugati con astuzia…da sempre il ladro in Dungeon & Dragons (non solo nella quinta edizione) ha coperto vasti ambiti archetipici. Davide Pastore (mod del gruppo Telegram “non solo d&d“) ha creato nuove sottoclassi per il Ladro di d&d 5e: l’Artigiano di Trappole, la Lama Invisibile e l’Ombra Mentale.

Ecco una piccola anteprima. Sì, sono un fan degli psionici da sempre.

Artigiano di Trappole

Molti avventurieri vedono nelle trappole una seccatura, un qualcosa da evitare il più possibile, ma c’è chi vede nelle trappole una vera e propria arte. Questi individui spesso divengono Artigiani di Trappole, maestri di ogni aspetto delle trappole, meccaniche o magiche che siano.

Un Artigiano di Trappole non è solo esperto e rapido nel disattivare questi congegni letali, ma è soprattuto abile nella loro creazione, usando le trappole a proprio vantaggio dentro e fuori dal combattimento.

Lama Invisibile

Chi è questo folle che osa sfidare il minotauro nell’arena? Il minotauro brandisce un’enorme ascia bipenne, e lui estrae un leggero pugnale. Il minotauro si prepara alla carica, e lui si libera della corazza. Il minotauro avanza a corna basse, e quello sorride: un grande ghigno maniacale. È matto? Desidera forse morire?

No, è una Lama Invisibile, e il minotauro ha fatto il più grande, e ultimo, errore della sua vita: sottovalutare un simile avversario.

Ombra Mentale

Uno spettro nei pensieri degli incauti, un sussuro nei brutti sogni dei potenti, un’immagine appena intravista dietro un angolo prima di sentire una fitta alla testa. I ladri che scelgono di adottare l’archetipo dell’Ombra Mentale sono più che semplici spie o assassini in grado di penetrare nelle menti delle creature ed alterarle: considerano invece il loro addestramento e i propri poteri psichici quali estensioni di un profondo processo di introspezione che richiede la conoscenza dei più interiori scopi e motivazioni altrui.

La disciplina delle ombre mentali viene trasmessa in gran segreto da maestro a discepolo per conto di organizzazioni segrete, gilde e governi, oppure in isolati e segreti monasteri dove questa arte è unita all’ascetismo e alla piena comprensione di sé, abbandonando qualsiasi interesse mondano in favore dell’illuminazione. Quale che siano le loro origini, tutte le ombre mentali sanno come muoversi, impercettibili, nei dedali del pensiero con la stessa facilità con cui altri ladri sgusciano in vicoli bui e cunicoli segreti.

Link per download gratuito

Ciancio alle bande, ecco il link per scaricare queste sottoclassi del ladro create da Davide Pastore per d&d 5e: buon divertimento.

Se cercate altro materiale per la 5e di d&d, eccolo qua.

Se volete vedere le altre sottoclassi create da Davide Pastore, eccole.

Mi raccomando lasciate un commento per dire se le trovate bilanciate, se vi piacciono e cosa ne pensate.