Batman in Pathfinder

Il più interessante o almeno il più famoso supereroe DC. Poi se sia un supereroe o meno, se ne può discutere, ok. Comunque non ha bisogno di molte presentazioni. Questa è la versione Pathfinder, per quella D&D 3.5, andate qui.

Punti salienti: Agile, furtivo, tecnologico. Dotato di un codice di comportamento ferreo, ma non castrante.
Valutazione livello: Le sue possibilità sono al massimo concepibile per un essere umano. Facciamo livello 5.

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Umano. E fin lì…
Classi: Cavalier Mother’s Fang/Daring Champion 1, Unchained Rogue Contender 4.
In questo modo possiamo sfidare i nemici importanti, siamo agili, competenti in armi strane (bat-armi), siamo agili, furtivi e abili nel combattimento a mani nude. Inoltre siamo in grado di debilitare con gli attacchi, che per uno che si fa scrupoli ad uccidere non è mai male.
Caratteristiche: Servirebbero tutte alte, come si fa?
Talenti: Esistono qualcosa come over 9.000 versioni di Batman. Ognuna con le sue peculiarità. In alcune è più picchiatore, in altre più furtivo, in altre ancora tattico, oppure esperto di gadget. Non ho né il tempo, né la voglia e nemmeno le capacità per fare una versione di ciascuno. Quindi vi consiglio di scegliere i talenti a seconda di quale versione preferiate (quella giusta è ovviamente il cartone animato anni ’90).
Equipaggiamento: Anche qui, ogni dannato Batman ha un suo armamentario peculiare. Per la maggior parte dei casi bastano un po’ di oggetti alchemici (bastone di fumo, borsa dell’impedimento…).
Se non bastasse sono sicuro che si possa prendere un oggetto magico e fare un po’ di sano reskin.

Varianti e considerazioni:
Lo so, il Vigilante sarebbe stata la scelta più semplice. Però è troppo banale perchè è la base per qualsiasi cavolo di supereroe con doppia identità!
A parte questo, se pensate che debba crearsi da solo il suo armamentario, valutate l’alchimista. Tra l’altro il mutageno potrebbe essere uno spunto per la doppia identità.
Il cavaliere non è per nulla indispensabile, ma mi piaceva, perchè è il Cavaliere Oscuro…aspettate, dove andate! faceva ridere, no?…ok, no.
Se volete, dunque, potete sostituirlo con il monaco o il Brawler, per esempio.

Ogni personaggio è replicabile in Pathfinder?

Altrimenti prendete un umano qualsiasi e mettetegli questo addosso.

Batman in D&D 3.5

Il più interessante o almeno il più famoso supereroe DC. Poi se sia un supereroe o meno, se ne può discutere, ok. Comunque non ha bisogno di molte presentazioni. Questa è la versione in D&D 3.5. Per quella Pathfinder, ecco qua.

Punti salienti: Agile, furtivo, tecnologico. Dotato di un codice di comportamento ferreo, ma non castrante.
Valutazione livello: Le sue possibilità sono al massimo concepibile per un essere umano. Facciamo livello 6, perchè ci serve.

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Umano. E fin lì…
Classi: Umano Esemplare 1 [Arcani Rivelati], Paladino 2, Swordsage 2 [Tome of Battle], Gray Guard 1 [Complete Scoundrel].
Lo so che suona strano, ma mi piaceva.
Lo Swordsage ci dà tutta l’agilità e la furtività di cui necessitiamo. L’umano con le sue abilità ci renderà versatili nell’uso di strumenti, mezzi e competenti in vari campi. Il paladino ci rende buoni e con un codice di condotta e la Gray Guard ci permette di forzarlo.
Insomma, buoni sì, ma fessi no.
Caratteristiche: Servirebbero tutte alte, come si fa?
Talenti: Darkstalker [Lords of Madness] è interessante per nascondersi, per il resto esistono qualcosa come over 9.000 versioni di Batman. Ognuna con le sue peculiarità. In alcune è più picchiatore, in altre più furtivo, in altre ancora tattico, oppure esperto di gadget. Non ho né il tempo, né la voglia e nemmeno le capacità per fare una versione di ciascuno. Quindi vi consiglio di scegliere i talenti a seconda di quale versione preferiate (quella giusta è ovviamente il cartone animato anni ’90).
Equipaggiamento: Anche qui, ogni dannato Batman ha un suo armamentario peculiare. Per la maggior parte dei casi bastano un po’ di oggetti alchemici (bastone di fumo, borsa dell’impedimento, corda Desmodu [Specie Selvagge e Orizzonte Profondo]…). Per versioni più tecnologiche abbiamo sempre la guida gli oggetti piccoli: eccola!
Se non bastasse sono sicuro che si possa prendere un oggetto magico e fare un po’ di sano reskin.

Varianti e considerazioni:
Il paladino non è necessario. Lo ammetto. era solo per usare la mia CdP preferita per quella classe.
Se pensate che debba crearsi da solo l’equipaggiamento, usate l’Artefice [Eberron].
Se lo volete più combattente valutate un livello da Warblade [Tome of Battle].
Se il Tome of Battle vi è precluso (MALE!) virate sul Ninja [Perfetto Avventuriero] o su Ladro e/o Monaco.
Al posto dell’umano esemplare potreste usare il Factotum, se il master è allergico ad Arcani Rivelati.

Ogni personaggio è replicabile in D&D 3.5

Altrimenti prendete un umano qualsiasi e mettetegli questo addosso.