Il Tetraedro: Religione dell’Arcipelago

La religione dominante nell’Impero è una sorta di monoteismo complesso, in cui viene venerata una divinità nota come Tetraedro, il cui culto fu generato dall’unione di quattro culti precedenti. Dal momento della Fusione, la diffusione della religione ha avuto un’impennata, divenendo pian piano l’unica religione ammessa, salvo rarissime eterodossie mal viste.

La potenza della Chiesa è cresciuta assieme alla diffusione della religione, consentendo la creazione di un sistema gerarchico strutturato, adatto a gestire il crescente potere temporale acquisito, nonché la vasta mole di ricchezze.

Nonostante varie perdite a causa dell’Inabissamento, il potere della Chiesa rimane notevole, essendo che anche tutti gli oppositori hanno subito contraccolpi non indifferenti. Tant’è che il calendario è scandito e regolato dalle loro festività.

I Quattro Triangoli del Tetraedro

Entrando un po’ nel dettaglio, possiamo vedere come, nonostante la Fusione, i quattro culti mantengano una sorta di indipendenza, rappresentando aspetti e approcci diversi diversi alla religione. Anche dal punto di vista organizzativo si nota una differenziazione, in quanto ognuno di questi culti è rappresentato da uno specifico Ordine:

  1. Vesti Argentee. Rappresentano la parte più corposa dei fedeli, i membri del braccio armato della Chiesa sono spessissimo membri di quest’ordine, infatti il loro nome deriva proprio dalle cotte di maglia utilizzate dai soldati. Tuttavia troviamo anche gli artisti e architetti che innalzano chiese e, più in generale, chiunque glorifichi la divinità tramite le Opere. Le loro parole guida sono: Bene; Crociate; Giustizia. Credono in un Dio che difende, ispira e crea.
  2. Tuniche Marroni. Una sorta di ordine mendicante, predicano povertà e compassione e spesso vivono con frugalità nei monasteri. Oltre al sostegno agli indifesi il loro obiettivo è quello di guidare verso la superiorità morale attraverso l’esempio. Le loro parole guida sono: Compassione; Assistenza, Sacrificio. Credono in una Dea che protegge, aiuta e nutre.
  3. Mantelli Bianchi. Ordine di inquisitori, cacciatori di eretici e di chi pratica le magie proibite dell’Essenza e del Mentalismo (vi rimando alla spiegazione di Rolemaster) . Temuti in tutto l’Impero, guardati con soggezione anche fuori dai suoi confini. Amministrano la giustizia, ricoprendo quasi tutte le cariche nei tribunali imperiali, cercando di mantenere la purezza della fede. Le loro parole guida sono: Ordine; Legge; Purezza. Credono in un Dio (sessualmente neutro) che controlla, giudica e punisce.
  4. Cappe Porpora. Spesso scelte tra i nobili, sono addestrati a ricoprire posizioni di comando e sono concentrati nelle alte sfere della Chiesa. Sono la scelta più frequente per ricoprire cariche con poteri temporali o come missi dominici. Data la loro istruzione spesso si dedicano alle arti o alla letteratura. Le loro parole guida sono: Controllo; Autorità; Comando. Credono in un Dio che guida, comanda e organizza.

Struttura Gerarchica della Chiesa

La gerarchia della Chiesa è ben strutturata, inoltre i gradi ecclesiastici sono equiparati a quelli militari e nobiliari, come possiamo vedere in questa tabella.

NobiliDivise Blu
Esercito Laico
Alabardieri
Esercito Chiesa
Stemmi Rossi
Corpo Speciale Imperiale
Mantelli BianchiVesti Argentee Cappe Porpora Tuniche Marroni
Imperatore
Principe Imperiale / Re
Duca Ammiraglio Generale Prefetto Imperiale
Eletto
Contrammiraglio Generale di BrigataDirigente Imperiale Superiore
MarcheseCapitano di Vascello ColonnelloPrimo Dirigente ImperialeGiudice Divino Cardinale Cardinale
Capitano di Fregata Tenente ColonnelloVice Questore Imperiale
ConteCapitano di Corvetta MaggioreCommissario Imperiale Coordinatore EsquisitorePatriarca Patriarca
Primo Tenente di Vascello Primo Capitano Arcivescovo Arcivescovo
VisconteTenente di Vascello CapitanoCommissario Imperiale Capo Togato Vescovo Vescovo Santo Padre
Secondo Tenente di Vascello Tenente Superiore
BaroneSottotenente di VascelloTenenteCommissario Imperiale InquisitorePrelato Prelato Sommo Abate
BaronettoGuardiamarinaSottotenente Vice Commissario Imperiale Esorcista Parroco Abate
Cavaliere EreditarioPrimo Maresciallo Primo MarescialloIspettore Imperiale Primo Frate
CavaliereCapo di Terza ClasseMaresciallo Vice Ispettore Imperiale SacerdoteSacerdote Frate
Secondo Capo Sergente Maggiore Sovrintendente Imperiale
SergenteSergenteVice Sovrintendente Imperiale Diacono Diacono Studente Monaco
SottocapoCaporal Maggiore Scelto Agente Imperiale
Comune di Seconda Classe Soldato Allievo Agente Imperiale
Sottodiacono
Novizio

Le cariche di Imperatore, Eletto, Santo Padre e Giudice Divino sono uniche. Nel senso che ne può esistere solo uno alla volta. Gli Esquisitori possono essere 3 alla volta, ciascuno dei quali contrassegnato da una delle tre parole guida dei Mantelli Bianchi. Per le altre cariche non c’è un numero specifico.

Una commistione di norme scritte, consuetudini e reverenza intrinseca regolano i rapporti tra le varie cariche. Per un approfondimento sui rapporti tra le cariche ecclesiastiche e quelle nobiliari e militari, si veda la sezione apposita.

Nella Chiesa ogni membro di una categoria elegge o nomina quelli di 4 righe inferiori. Tranne L’eletto che nomina i cardinali, e da questi viene eletto. Sì, come il Papa coi Cardinali. Esatto.

Per intraprendere la carriera ecclesiastica si parte dal noviziato (di solito tra i 12 e i 14 anni), una volta che il candidato si sia dimostrato meritevole, viene promosso al sottodiaconato (che durerà normalmente fino ai 16-18 anni), solo una volta raggiunto il diaconato verrà smistato nell’ordine di appartenenza e riceverà la divisa.

Come si può notare la carriera delle Cappe Porpora è atipica: infatti al posto del diaconato accedono a uno studentato di 5 anni, parecchio costoso. Questo rende l’ordine accessibile solo a famiglie nobili o particolarmente ricche. Tuttavia la termine di questo periodo riceveranno direttamente la carica di prelati, ottenendo quindi la guida di una chiesa di medie dimensioni con un considerevole risparmio di tempo rispetto ai propri colleghi argentei. Questo comporta una notevole accelerazione della carriera.

Le Tuniche Marroni una volta ottenuto il rango di Abate saranno invece a capo di monasteri o abbazie, invece il Sommo Abate ha la medesima carica, ma su abbazie di grande prestigio.

I Mantelli Bianchi non ottengono alcuna chiesa, ma posizioni all’interno di tribunali. Ogni tanto capiterà di vedere uno di loro con una striscia di tessuto rosso legata sul braccio sinistro. Sono individui particolarmente dotati che hanno ricevuto una speciale dispensa per poter praticare magie proibite al fine di catturare gli eretici o i maghi più pericolosi.

Simboli Sacri e Paramenti

Ogni membro della Chiesa, di qualsiasi ordine faccia parte,una volta terminato il sottodiaconato riceverà il suo simbolo sacro: un triangolo, del colore corrispondente al suo ordine, con scritte su ogni lato le tre parole guida.

Già che parliamo di abbigliamento ecco i simboli distintivi di ogni carica, suddivisa per Ordine di appartenenza.

Mantelli BianchiVesti Argentee Cappe Porpora Tuniche Marroni
Novizio
Indossano normali abiti civili
Sottodiacono
Aggiunta di una fascia sul braccio del colore corrispondente all’ordine scelto
Diacono
Camicia e pantaloni neri. Colletto bianco
Diacono
Anello argenteo al petto
Studente
Camicia e pantaloni neri. Fascia porpora in cintura
Monaco
Abiti civili con corda in cintura
Sacerdote
Aggiunge un mantello bianco
Sacerdote
Tre anelli d’argento al petto
Frate
Saio
Primo Frate
Saio con corda bordata di scuro
Esorcista
Due spade bianche ricamate sulle spalle
Sacerdote
Triangolo d’argento al petto
Abate
Aggiunge cappuccio
Inquisitore
Occhio bianco ricamato sul petto
Prelato
Aggiunge anello d’argento sulle spalle
Prelato
Aggiunge cappa porpora
Sommo Abate
Aggiunge bordature di scuro
Togato
Come sopra, ma le vesti sono bianche e le decorazioni nere
Vescovo
Aggiunge tunica d’argento
Vescovo
Aggiunge cuciture e bordature porpora alle vesti
Santo Padre
Aggiunge ricami intricati, tipo corteccia. Impugna il Bastone Nodoso
Arcivescovo
Aggiunge anello Inserito nel triangolo
Arcivescovo
Come sopra, ma tutti i bottoni sono porpora
Esquisitore
Vestito di bianco
Patriarca
Aggiunge tre anelli su ogni spalla
Patriarca
Aggiunge copricapo porpora
Giudice Divino
Aggiunge disegno magicamente luminescente di bilancia sul petto
Cardinale
Come sopra, ma con copricapo porpora
Cardinale
Come sopra ma con tre anelli d’argento sulla spalla
Eletto
Come cardinale, ma pendente con tetraedro, le cui scritte sono magicamente visibili da tutti, + scettro con tutte le formule rituali sul bastone e tetraedro incastonato sulla sommità.

Collaborazione tra Ordini

Per prendere decisioni importanti vengono indetti i Consigli Divini, condotti in una sala piramidale. La sommità è occupata da uno scranno con l’eletto, subito sotto è posta una piattaforma in cui risiedono i Cardinali,il Santo Padre, il Giudice Divino e i tre Esquisitori, tutti loro hanno diritto di parola e di voto. La piattaforma più in basso ospita i Patriarchi, i Togati e i Sommi Abati, questi hanno solo il diritto di parola, ma non di voto. Nel piano più basso troviamo vescovi, arcivescovi, abati e inquisitori, i quali possono solo assistere.  

Se per caso pensate di usare davvero questa ambientazione con Rolemaster, ecco un Piccolo approfondimento regolistico

Lascia un commento