Rendere Interessante D&D e i GdR per Figli (e bambini)

Magari vostro figlio inizia a riconoscere le prime lettere, o magari i primi numeri. Quindi saprebbe leggere un dado. Vorreste farlo giocare a D&D o a un altro Gioco di Ruolo introduttivo adatto ai bambini, magari perchè volete fare il master e vi manca un giocatore. Però magari non gli interessa, o avete paura non sia interessato.
Cerchiamo di vedere quindi come introdurre i propri figli (nipoti, cuginetti o i bambini in generale) al gioco di ruolo, in modo da far sì che siano loro a chiedervi di giocare e non li si debba obbligare.

sgridata o psicologia inversa?
Costringere i bambini a giocare a D&D. Ottimo metodo.

Se avete già superato questa parte e volete capire come insegnare praticamente D&D alla vostra progenie, date un’occhiata a questo pratico sistema di carte facilitate che potete stampare.

Cartoni Animati per Bambini con Riferimenti a D&D

Andiamo: è la soluzione più semplice. Il piccolo tentativo di giocatore in erba giovane virgulto sarà sicuramente un bambino che guarda cartoni animati. Quindi tra una puntata di Peppa Pig (che fa schifo, noi l’abbiamo vietata in casa) e di Masha e Orso (che invece è una figata) pensate di proporgli alcune di questi programmi. In questo modo, vedendo dei riferimenti al gioco di ruolo o addirittura i protagonisti del cartone che fanno sessione, inizieranno ad interessarsi.

Lo Straordinario Mondo di Gumball

A me fa ridere, ok, sarà un po’ la versione per bambini dei Griffin, ma lo trovo simpatico. In aggiunta abbiamo una bellissima puntata in cui il padre fa da master al resto della famiglia. Oltre a vedere come può funzionare una sessione, i giovani aspiranti nerd potranno imparare che non bisogna litigare e fare a botte in game. Episodio 228.

Adventure Time

Non credo abbia bisogno di presentazioni. Capolavoro. Spassosissimo. Più per ragazzi che per bambini, ma godibile a tutte le età. Non ci sono riferimenti diretti a Dungeons & Dragons, ma i richiami indiretti alle avventure dei GdR trasudano da ogni pixel.

Futurama

Ok, se è abbastanza grande per vedere Futurama e non gioca ancora a D&D avete sbagliato qualcosa. Siete un fallimento come genitori o come figura adulta o qualsiasi cosa voi siate. Parole dure, ma qualcuno doveva pur dirvelo. Ad ogni modo c’è un lungometraggio in cui Bender si immedesima troppo in una partita di D&D. Non dovrei neanche dirvelo: fa davvero ridere.

Teen Titans Go

Parlo ovviamente del cartone animato per bambini e non della serie TV sui Titans! A me non fa impazzire (non fa schifo quanto Dora l’Esploratrice, capiamoci. Solo che si sta bene anche senza, ecco), ma mio figlio lo adora. Quindi eccoci qua. L’episodio in questione è il 51 della terza stagione.

Trolls la Festa Continua

Il cartone dei Trolls fa parte di quelli che se proprio me li devo sorbire, non soffro. A volte sono pure divertenti, a piccole dosi. Mi pare ci sia un episodi relativo ai GdR, alcuni miei amici me l’hanno confermato, ma non ricordo i dettagli e non so che numero di episodio sia.

Craig of the Creek

Cartone gradevole. Purtroppo non riesco a vederlo spesso. Lo trovo molto interessante, a grandi linee direi che è la versione migliorata del Floopaloo. Anche qui c’è una puntata a tema D&D in cui giocano di ruolo. Malauguratamente non l’ho vista tutta (temo che piaccia più a me che ai miei figli), quindi non posso darvi dettagli.

Guru guru

Non so se conoscete questo orribile cartone anni ’90. Se non lo conoscete, cliccate QUI per una recensione in cui spiego quanto è brutto. Qui ci sono riferimenti ai giochi di ruolo, anche se forse maggiormente ai JRPG (giochi di ruolo giapponesi, i Final Fantasy, per dire). Poi se vi appassionate, c’è anche la scheda del Vecchio Kita Kita in D&D.

Giocare con le Miniature

Lo so. Sono le Vostre Sacre Miniature. E le Vostre Sacre Miniature (VSM) sono preziose. Avete lottato ai vari Lucca Comics per accaparrarvi le VSM. Avete rubato portafogli sui treni per avere soldi per le VSM. Avete venduto mobili utili per fare spazio a una vetrina con le VSM. Avete passato giorni a fissare negozi e offerte online per ottenere le VSM.

Ok, capisco (cioè, no, io sono un disastro con tutto quello che riguarda il collezionismo (e non solo, ma non divaghiamo)), specialmente se avete un figlio un po’ agitato e pasticcione. Dargli in mano la miniatura rara del 1984 autografata da Kittemuort come fosse un pupazzetto, potrebbe essere un po’ azzardato.

Allora separate le VSM in due gruppi: le Miniature Sacre Veramente (MSV) e le Miniature Vagamente Sostituibili (MVS). Fateli giocare ovviamente solo con le MVS e non con le VMS e tantomeno con le MSV.

Ad esempio guardate cosa fa questo piccolo marmocchio!

Insomma, se distinguono un orco da un Hobgoblin, possono dare molta soddisfazione, oltre, ovviamente a iniziare a familiarizzare con il mondo fantasy o chi per lui.

Portare i Bambini a Sessione

Lo so. Molti di voi staranno balzando sulle sedie metaforiche. “i bimbi li devi lasciare a una baby sitter se giochi, altrimenti ti distrai”.
Ho letto più volte questa frase.

Però se il piccolo goblin pseudo umanoide vi vede giocare, sarà più facile per lui appassionarsi. Anzi, probabilmente vi chiederà di guardare, tirare i dadi o addirittura spostare le VSM.

Vedete voi come regolarvi, dipende anche dal gruppo che frequentate e dalle modalità di gioco (ecco, se vi ubriacate e bestemmiate tutto il tempo potrebbe essere che qualcuno chiami i servizi sociali, poi magari coi bimbi diventate più di 6 e scatta la violazione del decreto anti covid…), però valutate l’idea di farli assistere almeno per un po’.

Io spesso ho portato il mio apprendista gamer alle sessioni. A volte anche con gente semi sconosciuta. Non è andata male, come potete leggere qui.

Giochi da Tavolo

Non ci avevate pensato? Dai! Se giocate a qualcosa che possa associarsi a D&D e ai GdR, oltre a iniziare ad affacciarsi su questo mondo, il vostro halfling non troppo cresciuto inizierà a familiarizzare con le regole, coi dadi e con la presenza di pedine.

Non vi posso dare grandi consigli in questo campo, perchè avendo anche una versione mini dell’halfing di cui sopra, facciamo fatica a utilizzare giochi articolati del genere.

Però noi abbiamo preso Cartagena e ci siamo trovati bene. Recensione Qui.

Inoltre il tenero beholder in miniatura aveva anche provato una versione semplificata di HeroQuest.

Sfogliare assieme i Manuali

Stesso discorso per le VSM per i VSM (Vostri Sacri Manuali. Come dite? Ho scelto sigle un po’ simili? Nah…). Però in questo caso è più semplice, perchè non dovete dar loro i giochi in mano, ma potete sfogliare insieme a loro, cercare le immagini più carine, fotocopiarle e colorarle, e magari inventare storie mentre guardate i VSM. Questo ci porta al punto successivo.

Libri e Favole

A parte che far addormentare i teneri cuccioli di aboleth con una storia è una cosa sana a prescindere. Scegliendo con cura i temi delle storie (magari narrando avventure in cui loro sono i protagonisti, oppure prendendo spunto dalle vostre campagne), o magari buttandovi su libri fantasy per bambini, le piccole pesti risulteranno spontaneamente familiari con questo tipo di attività!

Bimbi Appassionati e Gruppo in Famiglia

Insomma, di modi ce ne sono tanti. Se hanno già del vago interesse per attività del genere, potreste provare ad anticipare con una sessione senza meccaniche (o magari una cosa semplice: tira il dado, chi fa più alto colpisce), disegnare labirinti insieme e farglieli attraversare, magari mettendo l’attività in chiave narrativa (“…giri l’angolo e trovi un mostro che ti urla contro…”). Insomma, i metodi non mancano. Se poi proprio non si appassiona, guardate se è ancora in garanzia e riuscite a restituirlo.



Come dicevo, se li avete già convinti, guardate un metodo per insegnare D&D 5e ai bambini.
Altrimenti potreste essere interessanti ad approfondimenti vari sugli approcci ai GdR o a delle recensioni di Cartoni Animati o Anime.

Lascia un commento