Wanda Maximoff (aka Scarlet Witch) in D&D 3.5

Una delle più forti Avengers, ha tenuto testa a Thanos con una mano sola. Ora è sulla cresta dell’onda per via di Wandavision (ve lo consiglio, se vivete fuori dal mondo e non lo conoscete).
Questa è la scheda per D&D 3.5, se cercate Pathfinder, eccolo, invece D&D 5e è qua.
Ho già fatto molti altri Avengers: Capitan America, Iron man, Hulk, Capitan Marvel e
Thor, più altri Marvel (e Disney in Generale!)

WandaVision: il costume finale da Scarlet Witch era sempre stato sotto ai  nostri occhi! [FOTO]
Ecco una visione di Wanda con un costume “ibrido”

Punti salienti: Grandi poteri telecinetici, spara raggi di energia e… (SPOILER!) possiede poteri di controllo mentale e illusori di potenza esorbitante.
Valutazione livello: Di fatto ha prestazioni decisamente superiori a quelle di Hulk. Io lo dico: livello 21.

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Possiamo fare benissimo l’umano.
Classi: Illusionista 1 [Variante Arcani Rivelati], Stregone 6, Shadowcrafter [Underdark] 9, Arcimago 5.
Catene di Dubbio ci permette di avere illusioni decisamente efficaci. Possiamo serenamente rinunciare a qualsiasi scuola di magia, tanto noi lanceremo come stregoni. Lo shadowcrafter ci serve per alzare la percentuale di realtà quando lanciamo le illusioni. Devo dire a cosa serve? No, vero? NO SPOILER! Con l’Arcimago possiamo avere dei blast, la capacità di lanciare incantesimi forti come capacità magica e via dicendo.
Talenti: Oltre ai requisiti, io mi prenderei Incantesimi Epici, in modo da creare un incantesimo apposta per fare quello che ha fatto. Poi escludere materiali in modo da non dover armeggiare con guano di pipistrello e schifezze varie.
Equipaggiamento: Non ci serve nulla, se non vogliamo prendere una pietra magica (pun intended) per aumentare le nostre capacità.

Varianti e considerazioni:

Purtroppo le migliori illusioni in D&D 3.5 sono appannaggio degli gnomi. Quindi non possiamo fare lo Shadowcraft Mage [Races of Stone] e nemmeno la variante del mago da gnomo…a meno di non fare reskin!

In quel caso le nostre illusioni saranno più vere della realtà!

Ogni personaggio è replicabile in D&D 3.5. Secondo voi alcuni proprio non si possono fare? Ne dubito.

Wanda Maximoff (aka Scarlet Witch) in D&D 5e

Una delle più forti Avengers, ha tenuto testa a Thanos con una mano sola. Ora è sulla cresta dell’onda per via di Wandavision (ve lo consiglio, se vivete fuori dal mondo e non lo conoscete).
Questa è la scheda per D&D 5e, se cercate D&D 3.5, eccolo, invece PF è qua.
Ho già fatto molti altri Avengers, ma solo per le altre edizioni. In quinta c’è solo Thor.

WandaVision: il costume finale da Scarlet Witch era sempre stato sotto ai  nostri occhi! [FOTO]
Ecco una visione di Wanda con un costume “ibrido”

Punti salienti: Grandi poteri telecinetici, spara raggi di energia e… (SPOILER!) possiede poteri di controllo mentale e illusori di potenza esorbitante.
Valutazione livello: Di fatto ha prestazioni decisamente superiori a quelle di Hulk. Io lo dico: livello 20.

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Possiamo fare benissimo l’umano.
Classi: Ha certamente un approccio da Stregone o addirittura da Warlock, però se vogliamo specializzarci nelle illusioni ci serve il Mago. Potremmo optare per un illusionista 14 e Warlock (Genio? Mi pare la più azzeccata. Al posto del talismano avremo la Pietra della Mente) 6. In questo modo possiamo avere dei blast, della telecinesi, dei controlli mentali e delle illusioni.
Talenti: Warcaster può sempre aiutare per questi personaggi.
Equipaggiamento: Non ci serve nulla di specifico.

Varianti e considerazioni:

Non sono particolarmente soddisfatto da questa scelta, ma non credo ci sia molto modo di migliorare la scheda. Ma se avete idee, fatevi sotto.

Se volete puntare più sulla modifica delle probabilità e meno sulle illusioni, come specializzazione da mago potreste prendere Chronurgy Magic.

Invece se avete il coraggio di lasciar perdere il mago, puntate allo stregone. Il suo metodo di lancio incantesimi è certamente più affine a quello di Wanda. A questo punto potrete perfino lasciar perdere il warlock e fare 20 livelli da Aberrant Mind.

Non ogni personaggio è replicabile in D&D 5e. Però ci proviamo ugualmente.

Thor in D&D 3.5

Chi non conosce Thor? Quello che crede di essere il più forte degli Avengers, quello che, quando era solo un fumetto Marvel era in pratica Asterix senza baffi, insomma, il fratello del personaggio più amato dal pubblico femminile (sì, di Loki). Avete capito, no? Questa è la versione D&D 3.5. Se cercate Pathfinder eccola e questa volta abbiamo pure D&D 5e. Se cercate altri personaggi del gruppo, abbiamo Iron-man, Hulk, Capitan America e Capitan Marvel (oltre ad altri Marvel non Avengers).

Thor: Ragnarok - Una nuova clip rivela il (nuovo?) momento in cui Thor ha  perso il suo martello - Justnerd.it
Ecco a voi il dio dei martelli

Punti salienti: Vola, ha un martello grosso, ha il potere del tuono ed è grosso pure lui. Fa altro?
Valutazione livello: Ho dato il 18 a Hulk, quindi a lui dovrò date il 17. Peccato (si capisce che non sono un suo fan?)

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Va bene l’umano. Poi se vogliamo usare un archetipo da assorbire con la regola di Arcani Rivelati, abbiamo robe come il Santo [Manuale delle Imprese Eroiche].
Classi: Barbaro 1, Duskblade 3 [Player’s Handbook II], Stregone 4 (variante da battaglia [Arcani Rivelati], Rage Mage 9 [Complete Warrior].
In questo modo può combattere con una buona dose di frenesia, può volare, lanciare fulmini, e tirare delle martellate notevoli. Che altro volete dalla vita?
Caratteristiche: Forza alta, di sicuro. Poi servirebbe anche Carisma, ma pare che piaccia, quindi.
Talenti: Non ci serve nulla di particolare, magari Escludere Materiali per il flavour.
Equipaggiamento: Un bel martellone, magari in adamantio e con potenziamenti tipo: da lancio, ritornante, esplosione di fulmini. In aggiunta dovrebbe essere intelligente (e come potere specifico Lighting Bolt) in modo da potersi rifiutare di essere impugnato se non dai personaggi più brutti (ecco l’ho detto).

Varianti e considerazioni:

Il barbaro non è che sia fondamentale, ma mi sembrava calzante. Se non vi piace, ci sono altre CdP ibride tra Stregone e Guerriero che possono fare il caso nostro, come l’Incantaspade [Perfetto Combattente], Havoc Mage [Miniatures Handbook], Abjurant Champion [Complete Arcane], Cavaliere Mistico…

Ogni personaggio è replicabile in D&D 3.5

Thor in D&D 5e

Chi non conosce Thor? Quello che crede di essere il più forte degli Avengers, quello che, quando era solo un fumetto Marvel era in pratica Asterix senza baffi, insomma, il fratello del personaggio più amato dal pubblico femminile (sì, di Loki). Avete capito, no? Questa è la versione D&D 5e. Se cercate D&D 3.5 eccola e Pathfinder invece è qui. Se cercate altri personaggi del gruppo, sappiate che ci sono solo in 3.5.

Thor: Ragnarok - Una nuova clip rivela il (nuovo?) momento in cui Thor ha  perso il suo martello - Justnerd.it
Ecco a voi il dio dei martelli

Punti salienti: Vola, ha un martello grosso, ha il potere del tuono ed è grosso pure lui. Fa altro?
Valutazione livello: Ho dato il 18 a Hulk, quindi a lui dovrò date il 17. Peccato (si capisce che non sono un suo fan?)

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Va bene l’umano.
Classi: Barbaro 4 (Zealot), Paladino 5 (Crown), Stregone 8 (Storm).
In questo modo può combattere con una buona dose di frenesia, può volare, lanciare fulmini, e tirare delle martellate notevoli. Che altro volete dalla vita?
Caratteristiche: Forza alta, di sicuro. Poi servirebbe anche Carisma, ma pare che piaccia, quindi.
Talenti: Non ci serve nulla di particolare, magari Escludere Materiali per il flavour.
Equipaggiamento: Ci servirebbe un martellone particolare. Peccato che Akmon, Hammer of Purhoros non sia proprio adatto. Sarebbe molto più calzante Azuredge, ma a quel punto bisognerebbe cambiarne la forma, visto che sarebbe una spada.

Varianti e considerazioni:

Il Barbaro non è fondamentale, se però ci piace valutiamo anche lo Storm Herald. Se non siate convinti dallo Stregone, c’è anche il Chierico (Tempest).

Come razza alla fine potreste valutare l’Aasimar. Alla fine parliamo di un dio, no?

Non ogni personaggio è replicabile in D&D 5e, ma si fa quel che si può.

Thor in Pathfinder

Chi non conosce Thor? Quello che crede di essere il più forte degli Avengers, quello che, quando era solo un fumetto Marvel era in pratica Asterix senza baffi, insomma, il fratello del personaggio più amato dal pubblico femminile (sì, di Loki). Avete capito, no? Questa è la versione Pathfinder. Se cercate D&D 3.5 eccola e questa volta abbiamo pure D&D 5e. Se cercate altri personaggi del gruppo, abbiamo Hulk, Capitan America e Capitan Marvel (oltre ad altri Marvel non Avengers).

Thor: Ragnarok - Una nuova clip rivela il (nuovo?) momento in cui Thor ha  perso il suo martello - Justnerd.it
Ecco a voi il dio dei martelli

Punti salienti: Vola, ha un martello grosso, ha il potere del tuono ed è grosso pure lui. Fa altro?
Valutazione livello: Ho dato il 18 a Hulk, quindi a lui dovrò date il 17. Peccato (si capisce che non sono un suo fan?)

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Va bene l’umano.
Classi: Bloodrager Elementalist 8, Magus 9.
In questo modo può combattere con una buona dose di frenesia, può volare, lanciare fulmini, e tirare delle martellate notevoli. Che altro volete dalla vita?
Caratteristiche: Forza alta, di sicuro. Poi servirebbe anche Carisma, ma pare che piaccia, quindi.
Talenti: Non ci serve nulla di particolare, magari Escludere Materiali per il flavour.
Equipaggiamento: Un bel martellone, magari in adamantio e con potenziamenti tipo: da lancio, ritornante, esplosione di fulmini. In aggiunta dovrebbe essere intelligente (e come potere specifico Lighting Bolt) in modo da potersi rifiutare di essere impugnato se non dai personaggi più brutti (ecco l’ho detto).

Varianti e considerazioni:

In realtà si può fare anche con Barbaro e Stregone. In fondo anche con l’oracolo e l’inquisitore. Alla fine la cosa più importante è il martello. Lui è solo il dio dei martelli, no?

Ogni personaggio è replicabile in Pathfinder?

Capitan America in Pathfinder

Uno degli avengers che sopporto meno. Ok, l’ho detto. Comunque Cap combatte con lo scudo, fa il perfettino ed è un’icona del nazionalismo militarista…ok, non riesco proprio a sopportarlo.
Comunque questa è la sua scheda in Pathfinder. Se volete vedere la versione D&D, eccola.
Se invece volete vedere dei supereroi Marvel più belli, potete trovare Hulk, Daredevil e Capitan Marvel.

Captain-America-Chris-Evans-No-Superhero-Movie-Fatigue


Punti salienti: Forte combattente che utilizza uno scudo sia come arma d’offesa che di difesa. Onesto e leale, fino a essere stucchevole.
Valutazione livello: Le sue possibilità sono notevolmente superiori a quelle di qualsiasi umano normale. Diciamo livello 9.

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Umano. Poi se volete usare una razza più forte e fare reskin, ben venga!
Classi: Brawler 7, archetipo Shield Champion Cavalier 2 archetipi Strategist e Standard Bearer.
Per l’Ordine avete margine di scelta. Io consiglio il Lion.
In questo modo avremo un personaggio forte, che può lanciare lo scudo per disarmare e in grado di potenziare i propri compagni di squadra con la sua abilità tattica.
Caratteristiche: Forza prima di tutto, seguita da destrezza, costituzione e carisma. Saggezza e intelligenza non sono troppo importanti.
Talenti: Abbiamo una serie di talenti da scudo: Shield Master (che in realtà non possiamo ancora prendere) e tutti i suoi requisiti, Missile Shield e Shield Focus. Nessuno è fondamentale, ma rendono valido il combattimento con lo scudo.
Equipaggiamento: Lo scudo è l’unica cosa di cui dobbiamo preoccuparci. Potenziamento da lancio distante e ritornante sono scelte solide.

Varianti e considerazioni:
Se possiamo usare il Path of War possiamo sbizzarrirci con il Warlord.
Se il Brawler ci è precluso viriamo sul monaco.
Non ho messo il paladino perchè ha troppe capacità magiche, ma come flavour è molto adatto.

Ogni personaggio è replicabile in D&D 3.5

Altrimenti prendete un umano qualsiasi e mettetegli questo addosso: Hasbro Marvel Avengers Marvel Avengers Capitan America Elmetto Elettronico, B5787

Batman in Pathfinder

Il più interessante o almeno il più famoso supereroe DC. Poi se sia un supereroe o meno, se ne può discutere, ok. Comunque non ha bisogno di molte presentazioni. Questa è la versione Pathfinder, per quella D&D 3.5, andate qui.

Punti salienti: Agile, furtivo, tecnologico. Dotato di un codice di comportamento ferreo, ma non castrante.
Valutazione livello: Le sue possibilità sono al massimo concepibile per un essere umano. Facciamo livello 5.

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Umano. E fin lì…
Classi: Cavalier Mother’s Fang/Daring Champion 1, Unchained Rogue Contender 4.
In questo modo possiamo sfidare i nemici importanti, siamo agili, competenti in armi strane (bat-armi), siamo agili, furtivi e abili nel combattimento a mani nude. Inoltre siamo in grado di debilitare con gli attacchi, che per uno che si fa scrupoli ad uccidere non è mai male.
Caratteristiche: Servirebbero tutte alte, come si fa?
Talenti: Esistono qualcosa come over 9.000 versioni di Batman. Ognuna con le sue peculiarità. In alcune è più picchiatore, in altre più furtivo, in altre ancora tattico, oppure esperto di gadget. Non ho né il tempo, né la voglia e nemmeno le capacità per fare una versione di ciascuno. Quindi vi consiglio di scegliere i talenti a seconda di quale versione preferiate (quella giusta è ovviamente il cartone animato anni ’90).
Equipaggiamento: Anche qui, ogni dannato Batman ha un suo armamentario peculiare. Per la maggior parte dei casi bastano un po’ di oggetti alchemici (bastone di fumo, borsa dell’impedimento…).
Se non bastasse sono sicuro che si possa prendere un oggetto magico e fare un po’ di sano reskin.

Varianti e considerazioni:
Lo so, il Vigilante sarebbe stata la scelta più semplice. Però è troppo banale perchè è la base per qualsiasi cavolo di supereroe con doppia identità!
A parte questo, se pensate che debba crearsi da solo il suo armamentario, valutate l’alchimista. Tra l’altro il mutageno potrebbe essere uno spunto per la doppia identità.
Il cavaliere non è per nulla indispensabile, ma mi piaceva, perchè è il Cavaliere Oscuro…aspettate, dove andate! faceva ridere, no?…ok, no.
Se volete, dunque, potete sostituirlo con il monaco o il Brawler, per esempio.

Ogni personaggio è replicabile in Pathfinder?

Altrimenti prendete un umano qualsiasi e mettetegli questo addosso.

Batman in D&D 3.5

Il più interessante o almeno il più famoso supereroe DC. Poi se sia un supereroe o meno, se ne può discutere, ok. Comunque non ha bisogno di molte presentazioni. Questa è la versione in D&D 3.5. Per quella Pathfinder, ecco qua.

Punti salienti: Agile, furtivo, tecnologico. Dotato di un codice di comportamento ferreo, ma non castrante.
Valutazione livello: Le sue possibilità sono al massimo concepibile per un essere umano. Facciamo livello 6, perchè ci serve.

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Umano. E fin lì…
Classi: Umano Esemplare 1 [Arcani Rivelati], Paladino 2, Swordsage 2 [Tome of Battle], Gray Guard 1 [Complete Scoundrel].
Lo so che suona strano, ma mi piaceva.
Lo Swordsage ci dà tutta l’agilità e la furtività di cui necessitiamo. L’umano con le sue abilità ci renderà versatili nell’uso di strumenti, mezzi e competenti in vari campi. Il paladino ci rende buoni e con un codice di condotta e la Gray Guard ci permette di forzarlo.
Insomma, buoni sì, ma fessi no.
Caratteristiche: Servirebbero tutte alte, come si fa?
Talenti: Darkstalker [Lords of Madness] è interessante per nascondersi, per il resto esistono qualcosa come over 9.000 versioni di Batman. Ognuna con le sue peculiarità. In alcune è più picchiatore, in altre più furtivo, in altre ancora tattico, oppure esperto di gadget. Non ho né il tempo, né la voglia e nemmeno le capacità per fare una versione di ciascuno. Quindi vi consiglio di scegliere i talenti a seconda di quale versione preferiate (quella giusta è ovviamente il cartone animato anni ’90).
Equipaggiamento: Anche qui, ogni dannato Batman ha un suo armamentario peculiare. Per la maggior parte dei casi bastano un po’ di oggetti alchemici (bastone di fumo, borsa dell’impedimento, corda Desmodu [Specie Selvagge e Orizzonte Profondo]…). Per versioni più tecnologiche abbiamo sempre la guida gli oggetti piccoli: eccola!
Se non bastasse sono sicuro che si possa prendere un oggetto magico e fare un po’ di sano reskin.

Varianti e considerazioni:
Il paladino non è necessario. Lo ammetto. era solo per usare la mia CdP preferita per quella classe.
Se pensate che debba crearsi da solo l’equipaggiamento, usate l’Artefice [Eberron].
Se lo volete più combattente valutate un livello da Warblade [Tome of Battle].
Se il Tome of Battle vi è precluso (MALE!) virate sul Ninja [Perfetto Avventuriero] o su Ladro e/o Monaco.
Al posto dell’umano esemplare potreste usare il Factotum, se il master è allergico ad Arcani Rivelati.

Ogni personaggio è replicabile in D&D 3.5

Altrimenti prendete un umano qualsiasi e mettetegli questo addosso.

Il Gatto con gli Stivali in Pathfinder

Parliamo della fiaba classica, non di Shrek. Questa è la scheda di Pathfinder, se cercate quella di D&D 3.5, potreste forse trovarla qui.

Risultati immagini per gatto stivali fiaba

Scheda

Punti salienti: Riesce con solo l’uso di una fitta rete di menzogne a far ottenere un castello a quello spiantato del suo padrone e fargli sposare la principessa.

Valutazione livello: Riesce a ingannare un potente orco mago, quindi direi che ci serve almeno un livello 9.  

Suggerimento build:

Razza: Catfolk, ovviamente. Miao.
Classi: Vigilante Harvester 3, Investigator 3(con Underworld Inspiration e Subjective Truth), Ladro Charlatan 3.
Col ladro see prima di una bugia incredibile ne facciamo una facile, alla seconda abbiamo un +2 (poi prendiamo Honeyed Word e False Friend abbiamo altri bonus). L’Harvester fa si che per tutti gli anni in cui ha servito come semplice gatto domestico, nessuno abbia sospettato nulla, inoltre ci fa aiutare meglio il “Marchese di Carabat”.
Caratteristiche: Carisma al massimo. Poi dovremmo tenere una discreta Intelligenza e Destrezza.
Talenti: Deceitful e Abilità Focalizzata (Raggirare), Blustering Bluff. Insomma, tutti i bonus a raggirare fanno comodo.
Equipaggiamento: Degli stivali. Magari con un bonus a Carisma o Raggirare, tipo un Mulberry Pentacle (Ioun Stone) reskinnato.

 Varianti e Considerazioni:
Tutti questi bonus, con l’aiuto di qualche buff magico ci permettono di far credere bugie incredibili. Possiamo convincere il re, l’orco e chi per loro.

Se invecevogliamo il Gatto con gli Stivali di Shrek meglio mettere qualche livello da Rodomonte.
Se non ci turba avere degli incantesimi, il bardo è un’ottima scelta, anche per poter prendere Glibness.

Ogni personaggio è replicabile in Pathfinder? Vedremo.

Robin Hood in D&D 3.5

locandina-robin-hood-un-uomo-in-calzamaglia

Punti salienti: Personaggio complesso, non tanto in sé, ma in quanto ne esistono innumerevoli varianti e rivisitazioni, come possiamo vedere da QUI. Quindi prenderemo un po’ di cose sparse. Personaggio straordinariamente agile, ottimo tiratore con l’arco, abile nei sotterfugi.
Valutazione livello: Non compie nessuna azione eccessiva per un normale essere umano, sebbene abbia capacità notevoli. Accontentiamoci di un terzo livello.

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Umano. Per forza.
Classi: Ranger 2 / Ladro 1 (questo ci consente una buona specializzazione con l’arco e un’ottima scelta di abilità) Caratteristiche: Destrezza prima di tutto, seguita da Intelligenza e Carisma. Poi parleremo di Forza e Costituzione.
Talenti: Nulla di imprescindibile, ci basta scegliere principalmente talenti di tiro con l’arco.
Equipaggiamento: Non abbiamo bisogno di nulla per replicare le capacità di questo personaggio, quindi sceglieremo equipaggiamento standard per un arciere (bonus a destrezza, arco magico, eccetera).

Varianti e considerazioni: Volendo si può prendere la variante del Ladro senza attacco furtivo, ma con un talento da guerriero [Arcani Rivelati]. Se invece siamo meno orientati alla parte furtiva, possiamo scambiare il livello da ladro con uno da guerriero (se abbiamo accesso alle riviste, lo chef consiglia la variante Targetreer [Dragon Magazine #310]) Come progressione per i livelli successivi si può pensare di progredire da Ranger (in questo caso dovremmo usare varianti per rinunciare agli incantesimi) o Ladro o Guerriero, oppure si può entrare nella Classe di Prestigio del Maestro delle Armi Esotiche [Perfetto Combattente] (se prendiamo un arco esotico, come l’arco gigante), oppure dell’Iniziato dell’Ordine dell’Arco, ma la mia CdP preferita da arciere rimane il Blood Oath Archer [Knightly Orders of Ansalon]. Morale della favola, il personaggio è piuttosto semplice, inoltre il fatto che ne esistano innumerevoli versioni ci semplifica il lavoro, perchè non siamo costretti a specificare quale Robin Hood specifico stiamo emulando.

Ogni personaggio è replicabile in D&D 3.5

Non ditelo in giro, però alla fine ha avuto un’influenza pesante questa versione di Robin Hood: Robin Hood – Edizione Speciale