Guida al Sesso in D&D 5e – Recensione – The 5e Guide to Sex

Dopo il grande successo (?) di The Book Of Erotic Fantasy, ecco la sua controparte in D&D quinta edizione per gestire rapporti sessuali durante il Gioco di Ruolo: The 5e Guide to Sex. C’era forse bisogno di regole par farlo? No. In effetti no, nessun bisogno. Però se sentite la necessità di meccaniche precise durante il sesso svolto durante le sessioni (in game, ovviamente, non parlo delle sveltine mentre il master è in bagno), però senza per forza iniziare a giocare a FATAL, allora potreste sfogliare questo manualetto (che tra l’altro si trova in maniera gratuita e credo legale sotto forma di pdf da scaricare). Alla fine è piuttosto breve, ma già che siete qui, potreste leggere la recensione, in cui vi espongo i pro e i contro e lo metto in confronto con la sua versione 3.5. Aspettate, dove andate? Posso offrirvi anche qualche altra dozzinale battuta a doppio senso!!! Non fuggite via correndo, vi prego!!!

EDIT: ora il link non va, non so perchè. Se trovate l’originale postato pubblicamente da qualche parte, ditemelo. Io lo scaricai, ma non posso caricarlo qua perchè non è mio.

Questa è la copertina di The 5e Guide to Sex

Contenuto del Manuale

Il manualetto è piuttosto scarno. Parliamo di 34 pagine con una sola immagine (quella di copertina). Quindi se stavate cercando intrattenimenti per le vostre fantasie perverse, io vi consiglio di andare su altri lidi.

Capitolo 1: Sesso

Il nucleo delle regole è racchiuso in questo capitolo. Non vi farò una traduzione di tutto, ma vi anticipo che troverete alcune meccaniche per calcolare alcuni dettagli. Per fortuna in prima pagina l’autore ci spiega che D&D non è realistico, altrimenti potremmo restare sorpresi da alcuni particolari, ad esempio quanto durano a letto i PG.

Non vorrei sconvolgervi, ma anche avendo 20 di Cos il massimo è 10 minuti. Ora, io non posso parlare perchè il mio record personale è un’ora e 1 minuto (sì, è successo proprio la volta in cui abbiamo messo avanti gli orologi per l’ora legale), però mi pare un po’ pochino.
Per controbilanciare la durata, però possiamo copulare una volta ogni ora (senza bisogno di riposo breve) senza penalità. Insomma, secondo me è molto accurato, soprattutto se siete conigli. Ma anche qui io sto zitto, perchè io ho l’abitudine di fumare tra un amplesso e l’altro e ho calcolato che in media per recuperare mi servono dalle 3 alle 4 stecche.

Inoltre abbiamo le regole per capire se riusciamo a soddisfare il partner, per stabilire se riusciamo a completare i preliminari, per gestire le sveltine, vedere se rimarremo incinti e tanto altro.

Soprattutto, mi preme far notare, per la gioia di tutti i giocatori del nuovo stereotipo del bardo ninfomane e perennemente assatanato, che esiste una meccanica apposita per sedurre. Buon divertimento.

Segnalo, per concludere, la presenza di una gloriosa tabella a doppia entrata per stabilire l’interfecondità tra le varie razze di D&D. Ovviamente è completamente arbitraria. Però è simpatica.

Insomma, non aspettatevi grandi meccaniche (e non solo perchè comunque parliamo della quinta edizione, eh), però siamo qui per farci due goliardiche risate, no? Diciamo che raggiungono l’obiettivo.

Capitolo 2: Personaggi Sessuali

Sì, chi non vorrebbe un PG gnomo sessuale? …eh, ve l’avevo detto no che avrei fatto battute orribili, no?

Tornando seri, qui trovate un approfondimento su ogni razza di D&D 5e, son solo 2 o 3 righe (ma tanto non contano le dimensioni, no?) in cui vengono esposti gli approcci tipici al sesso e per alcune di esse viene presentato un piccolo bonus per le attività “da camera da letto”. Per esempio: gli elfi riescono benissimo a resistere durante i preliminari (seguono battutine scomposte contro gli elfi) invece i Coboldi sono particolarmente fertili, se vi accoppiate con loro usate le protezioni (cioè, quelle vanno sempre usate, ma mettetene due, un po’ come Keith Dudemeister con Elloit Reid).

La parte più interessante però riguarda le classi. Infatti abbiamo una serie di privilegi extra sia per influenzare le meccaniche relative al sesso, sia per ottenere bonus a seconda delle nostre attività. Ad esempio, il Monaco potrebbe recuperare Ki alla fine di un rapporto (sì una specie di TFR), mentre il Paladino può usare il suo potere di imposizione delle mani (chissà dove le impone…) per aumentare la soddisfazione del partner. Lo capisco: pensate fare sesso e in più vi passano anche tutti gli acciacchi dovuti all’età!

Per finire abbiamo un paio di Background aggiuntivi, giusto se il piccante non vi basta mai.

Capitolo 3: Oggetti Sessuali

Sì, ci sono anche tutte le cose a cui state pensando anche voi. Pervertiti.

In aggiunta troviamo anche oggetti magici. Ne segnalo solo 2.

La bikini armor. Oltre a conferire bonus alla CA, aiuta durante le attività di seduzione. NB: non c’è scritto che sia utilizzabile solo dalle femmine. Profit.

C’è un tomo magico noto col nome di Book of Erotic Fantasy. Chiaramente un omaggio alla versione 3.5. Stima.

Capitolo 4: Magia Sessuale

No, non è come quando lei scrive che è incinta e tu usi teletrasporto per andare in Messico. Anche se in un certo senso sì, visto che in questo capitolo non vengono presentati nuovi incantesimi, ma solo metodi per utilizzare gli incantesimi esistenti durante il sesso e la seduzione. No, non c’è Unto. Diciamo che vengono usati in maniera meno diretta e più fantasiosa. Di solito. Ad esempio Lentezza ci raddoppia la durata a letto. Pessimo se sta per iniziare sessione e bisogna sbrigarsi.

Capitolo 5: Mostri Sessuali

Abbiamo 4 mostri nuovi da utilizzare per mettere un po’ di pepe nelle nostre avventure. Certo, nessuno ci vieta di usare anche i mostri classici. Poi se usate il Mind Flayer un po’ mi inquietate, ma non vi giudico.

Appendice: La Checklist del Bardo.

Elenco, lista programmatica, non so, come lo traducete “checklist” in italiano? Ad ogni modo avete capito cosa intendo, spero.

In pratica è una tabella riassuntiva in cui vengono elencati tutti i mostri del manuale base di D&D 5e e per ciascuno viene indicata la CD per la seduzione e la CD per la soddisfazione (il Mind Flayer di cui prima ha 19 e 12, rispettivamente, se volete un esempio a caso).

Il consiglio è stamparla e poi fare le spunte ogni volta che si completa un punto. L’obiettivo finale è ovviamente spuntare tutta la tabelle. Potrebbe essere uno spunto interessante per una campagna (lo spunto della spunta del punto…sembra la versione brutta dei monologhi di Anatoli Balash).

Confronto con la versione D&D 3.5

Il confronto è impietoso. The Book of Erotic Fantasy era un vero manuale: 191 pagine, impaginazione, figure, “il condannato vero” (come direbbe Elio)…ecc.

Invece The 5e Guide to Sex è chiaramente un manualetto amatoriale (pun intended).

Tuttavia, diciamocelo, se volete vedere un’immagine di un’elfa che pratica bondage, di un’orca nuda o di un tiefling virile e muscoloso, potete andare su Google immagini e sfogarvi lì (non dite ai vostri genitori che sono stato io a suggerirvelo). Stesso dicasi per dettagli e approfondimenti sulle pratiche: ormai abbiamo “tutti” internet e anche solo wikipedia offre spiegazioni dettagliate e approfondite di varie pratiche.

Insomma, se state pensando di inserire un manuale del genere, probabilmente (spero) volete solo farvi qualche sessione un po’ leggera mentre siete ubriachi, no?

Quindi tutto sommato non vedo perchè dovreste aver bisogno di molti altri dettagli.

Voi avreste gestito le regole diversamente?



Giuro che alle volte sono un filino più serio e tratto di regole, build e approfondimenti su D&D 5e.
Altre volte faccio recensioni di manuali con un po’ più di senso e un po’ meno sesso. Provate a leggerne un paio.

Luna Nuova – di Maikel Maryn – Recensione di un Fantasy disinibito

Ultimamente leggo solo roba di autori emergenti. Comunque trovate questo romanzo breve (o racconto lungo, non so, comunque sono 50/60 pagine) gratis su Amazon. Però devo avvisarvi, se GoT è così crudo da far sembrare Dragonlance una lettura per chierichetti, Luna Nuova è così crudo da far sembrare GoT stesso una lettura per chierichetti. Quindi se vi siete sempre chiesti come mai i personaggi di Tolkien non vadano mai in bagno, come è possibile che Raistlin non abbia mai avuto un’erezione, perchè Fitz-Chevalier Lungavista non venga mai descritto in intimità con Molly o perche i protagonisti di Brooks non abbiano mai le tipiche voglie adolescenziali, pur condividendo altri tratti di quell’età. Poi se perfino il Trono di Spade di Martin vi sembra un filo troppo edulcorato, allora questo è l’autore che fa per voi. Ok, forse detta così sembra che possa essere utile solo per chi desidera un porno fantasy horror/gotico (robe da Book of Erotic Fantasy). Non è così. Secondo me l’autore (questo personaggio misterioso di cui si sa poco) ha un buono stile. Sarei curioso di leggerne anche altri testi.

Ecco la copertina del libro Luna Nuova di Maikel Maryn

Trama

Come sapete io non amo fare spoiler. Quindi starò sul vago. Ad ogni modo vi avverto: la parte “fantasy” non sarà preponderante, anche se sicuramente presente. Però andiamo con ordine.

Nel libro vengono presentate 4 situazioni diverse, salvo poi scoprire un legame tra di esse.

Una donna segnata da un difficile passato attende la visita di un uomo, conosciuto durante il nobile svolgimento di attività poco rispettabili.

Un uomo corpulento visita una casa di piacere a Venezia, alla ricerca di un tipo di intrattenimento pericoloso (soprattutto per gli altri, ma in fondo anche per sé).

Un gruppo di taglialegna russi incontra sulla via del ritorno a casa qualcosa di oscuro e minaccioso.

Una coppia di giovani amanti si incontra clandestinamente, nonostante la loro differente origine e le diverse religioni professate.

Ognuna di queste storie viene raccontata suddivisa in due parti e quindi inframezzata dalle altre. Questo (oltre a essere un metodo diffuso per far salire la tensione, ma io ogni volta darei dei morsi all’autore) ci permette di leggere la parte finale con una consapevolezza maggiore.

Non vi dico altro per non attirare su di me le ire dalla polizia degli spoiler.

Personaggi

Come dicevo, sono poche pagine con le quali vengono raccontate vicende diverse. Quindi i personaggi sono un po’ troppi per ottenere una profonda e dettagliata descrizione.

Tuttavia le poche pennellate sono sufficienti a dare un’idea abbastanza credibile di ciascuno di essi. Il ragazzo non proprio sincero e coraggioso, l’uomo presuntuoso e divorato dalla sua ossessione, la donna confusa e credulona e via dicendo.

Inoltre molti di loro posseggono una buona dose di originalità e non sono solo macchiette inserite per fare numero.

Anche in questo caso, scusate se non faccio un’analisi più approfondita, ma è veramente difficile dare dettagli senza spoilerare nulla.

Stile

Allora, io personalmente non sono una fan della presenza così massiccia di scene di sesso. Sarò all’antica, ma se voglio un certo tipo di intrattenimento, uso la pornografia. Lo so, nessuno ci obbliga a tenere separate le due cose.
Forse dovrei provare un altro romanzo, anzi chiedergli se sono tutti così, visto che ha un profilo Facebook attivo (e interessante, guardateci) ed è facilmente raggiungibile.

Nota di colore: ho raccontato a mio fratello quello che ho letto e lui mi ha consigliato di scrivergli scherzosamente “ah, bello il libro, ma ha poche scene di sesso. Perchè non ne aggiungi una a pagina 38?”.
Però sono andato a controllare e a pagina 38 la scena di sesso c’era già. Chissà se è stato molto sfortunato lui a beccarla o se sarebbe stato strano il contrario.

Battute a parte, apprezzo l’approccio più crudo che sta andando delineandosi all’interno del fantasy in questi ultimissimi decenni e questo testo si colloca in un certo modo in questa corrente, rendendo i personaggi più soggetti alle normali pulsioni degli esseri umani.

Inoltre la prosa dell’autore è decisamente gradevole. Sarei curioso di leggere un suo romanzo di dimensioni “normali” per vedere se anche negli spazi più ampi riesce a tenere vivo il ritmo e a fornire punti di vista interessanti alle scene che delinea.

Conclusioni

Sì, concludo scrivendo “conclusioni”. Mi porto dietro il trauma dalle elementari.

Il libro è gradevole, si legge velocemente, ha un fantastico rapporto qualità/prezzo (tende a infinito, essendo gratuito) e l’ho trovato interessante. Se usavate gli Harmony per facilitare il vostro onanismo e amate i fantasy, poi lo adorerete addirittura.

Tutto sommato mi sento di consigliarvelo.

Comunque vi ricordo che su Amazon si possono leggere le anteprime dei romanzi, se volete farvi un’idea di cosa state per comprare.



Se vi interessano le recensioni di romanzi e racconti, fate un saltino qui.
Però ricordatevi che di solito qua sul blog si parla di Giochi di Ruolo.

F.A.T.A.L. il gioco di ruolo più brutto del mondo – Recensione

FATAL. Nel senso che la sua lettura è fatale. Uno dei pochi GdR che non son riuscito a leggere per intero. Quindi ho subappaltato la recensione a Marco Leo Cogoni. Se cercate un GdR pesante, macchinoso più di GURPS e Rolemaster messi insieme, ma con in più un tocco di perversione sessuale scadente (roba che il Book of Erotic Fantasy sembra un racconto per bambini), allora FATAL fa per voi! Altrimenti leggete la prima parte della sezione “Recensioni di Giochi di Ruolo Brutti” e limitatevi a deriderlo.

FATAL - 1d4chan
Bastava la copertina a farci desistere

Partiamo con il più famoso di tutti, il famigerato F.A.T.A.L. Ovvero Fantasy Adventure to Adult Lechery (Avventure Fantasy per Lascivie Adulte) è considerato il GDR peggiore mai ideato eppure, paradossalmente, si contende il titolo con altri due giochi meno noti, ma andiamo con ordine.

Storia Editoriale

FATAL nasce il 25 Ottobre del 2000 e ancora ce ne pentiamo dopo quasi 20 anni. La sua distribuzione avviene a lavoro compiuto nel 2003 con una ristampa censurata nel 2004 che cambia il nome in From Another Time, Another Land (Da un altro tempo, un’altra terra) e rimuove alcune cose razziste come l’armatura che rende il personaggio un Wookie Ebreo.
Il gioco è noto per I suoi continui riferimenti al razzismo e al sesso, anche volutamente esagerati e senza senso, ma prima dobbiamo capirne il regolamento altrimenti che gusto c’è?

Complessità

Vi ricordate le regole per la lotta in D&D 3.5? Ecco, FATAL riesce a renderle sorprendentemente facili in confronto. A primo impatto la scheda di 11 pagine sembra eccessiva però contiamo 5 caratterisiche principali, 20 sottocaratteristiche che vengono influenzate tre tipi di percentuali. A seconda di alcune condizioni durante il gioco queste sotto-abilità possono cambiare e bisogna modificarle al volo.

Fatto questo ci basterà calcolare le quattrocentodicotto abilità tra cui Intrecciare Cesti, Cucire Guanti, Riparare Orologi, Pisciare. Sì, potete fallire il tiro [1d100+(Media dei modificatori di Salute e Coordinazione Occhio-Mano) +/- (Modificatore “Tempo trascorso dall’ultima pisciata vs. oncie di liquido bevuto”)], facile no?

Il gioco ci chiede anche delle nozioni basilari di algebra per risolvere questioni come Equazioni di secondo grado per calcolare se la nostra schiava sessuale rimane incinta o meno oppure tirare 1d10.000.000 per sapere se la gravidanza si concluderà con un parto pentagemmellare.

Allusioni Sessuali Senza Senso

Tutte queste abilità, come anche le varie dimensioni del corpo tra cui tutte e tre le dimensioni di peni, vagine, piedi, mani, capezzoli, areole, età (Che ci costringe a modificare nuovamente tutti I valori), e la famigerata circonferenza anale sono valori che dovremo calcolare minuziosamente per capire se durante il combattimento stupreremo accidentalmente l’avversario e a quel punto dovremo calcolare la gravidanza perché magari abbiamo
usato il pene per colpire la vagina dell’avversario tirando casualmente un colpo in una delle diciassette locazioni dell’armatura, ognuna con i suoi tipi di armatura, resistenze al danno, slot e altro. Le differenze di parametri sono vitali perché si potrebbe accidentalmente stuprare a morte un avversario.

Nel gioco vengono presentate anche una serie di perversioni e parafilie in cui il giocatore può incorrere, se il punteggio di intelligenza è abbastanza basso potrebbe anche incorrere nel bonus “Forza da Ritardato” [sic.] oppure sviluppare perversioni e parafilie durante il gioco.

Inoltre abbiamo un sistema di allineamento totalmente copiato da D&D, temperamenti, umori primari e secondari e atteggiamento. E qui siamo a circa 40-60 pagine solo per definire questi parametri.

Magia Perversa e Demenziale

Non si direbbe, ma il gioco è pieno di riferimenti sessuali e razzisti come, per esempio, il Mantello dell’Auto-Brama che costringe chi la indossa a praticarsi sesso orale da solo fino alla rottura della spina dorsale, oppure L’Unico Anello (Sì, QUELLO), oppure una spada “Che costringe il portatore a strappare gli occhi agli avversari e ficcarglieli nelle narici per poi prendere il sole nudo sul tetto di un cottage” [sic.]. Esiste anche un sistema di magia molto complesso che può portare a effetti indesiderati come “Un bulbo oculare che cresce sul pene dell’incantatore che può essere usato come rivelatore di bugie” oppure con il cambiamento del colore della pelle dell’incantatore con annesse penalità decise dal master, o meglio ancora un
gruppo di ogre che spuntano dal nulla e tentano di stuprare analmente tutti.

E se pensate che tutto questo faccia schifo non avete ancora sentito parlare del GDR senza R: VTNL.



Domani carico la seconda parte. L’ho già letta e posso dire che merita!
Se volete recuperare qualche punto di sanità mentale, potete andare a leggere la recensione di qualche GdR “normale”.
Se invece siete masochisti, prima leggete VTNL e poi RaHoWa

Libro delle Imprese EROTICHE! (Book of Erotic Fantasy) -D&D 3.5 – Recensione

Volete inserire del sesso nelle vostre sessioni? No, non nel senso che praticate una rapida fellatio mentre aspettate il vostro turno in combattimento.   Riprovo:   Volete inserire del sesso in game durante le vostre sessioni?
Ah, già, in questo caso la risposta giusta sarebbe “Fatelo. E non rompete neanche le scatole, suvvia”.   Tentativo 3: Volete inserire del sesso in game nelle vostre sessioni e volete anche delle regole per gestirlo?
Allora c’è un manuale pensato apposta per voi, piccoli depravati!  il Book of Erotic Fantasy.

Bene, ora che ve l’ho consigliato, potrei fermarmi qui: voi andate a leggerlo e io smetto di scrivere sproloqui.
Però magari volete sapere nel dettaglio di che parla prima di scaricarlo da internet comprarlo (Anche perchè, scherzi a parte, non si trova su Amazon).   Vediamo di analizzare brevemente il contenuto del Book of Erotic Fantasy.

(se invece ormai giocate solo a D&D 5e, sappiate che esiste anche una sorta di “versione aggiornata”)

Immagine correlata
Book of Erotic Fantasy – Libro delle Imprese Erotiche

Book of Erotic Fantasy- La recensione

Inserire il sesso in D&D

Capitolo 1: Siete nerd verginelli usciti dal peggiore dei cliché? Siete molto pigri, ma volete comunque caratterizzare precisamente i gusti sessuali per ogni razza e allineamento?
Questo è il capitolo che fa per voi!
Troverete infatti analisi su tabù, feticismi, varie tipologie di approccio al sesso, sia nella vita reale sia a sessione, oltre che digressioni su matrimoni e gravidanze. In aggiunta, come accennato, si parlerà del sesso dal punto di vista di una moltitudine di razze, oltre che dei vari allineamenti. Avete una sessualità degna di questo nome? Vi piace inventare i particolari delle vostre campagne? Non soffermatevi su questo capitolo, perdereste solo tempo.  

Regolamentare il sesso: Abilità, Talenti e Caratteristiche

Capitolo 2: Vengono inserite alcune regole, finalmente, oltre ad abilità e talenti.
Intanto viene aggiunta una nuova caratteristica: Aspetto. Questa determina (colpo di scena!) la bellezza fisica del vostro personaggio. Raggirare, Raccogliere Informazioni e Intimidire possono basarsi su questa nuova caratteristica o sul Carisma come al solito, mentre Camuffare viene definitivamente spostata sotto Aspetto, senza appello.
Questo toglie importanza al Carisma, scelta che, in una campagna basata su seduzione e sesso, potrebbe essere anche condivisibile.
Inoltre per alcune abilità vengono aggiunti utilizzi legati alla sfera sessuale (Artigianato (Sex Toys), Valutare (la resistenza sessuale del bersaglio), Raggirare (per portarsi a letto qualcuno), ecc), tra queste spicca Intrattenere (Tecniche Sessuali), utilizzata, come suggerisce il nome, per effettuare performance sessuali di alto livello tecnico.
In aggiunta possiamo citare regole per gestire la durata a letto, le malattie sessualmente trasmissibili oltre a una buona scelta di talenti per migliorare le nostre prestazioni, ottenere bonus derivanti dal sesso e tanto altro.  

Gestire il Sesso: Classi e CdP

Capitolo 3: Questo potrebbe essere considerato il capitolo principe del manuale. Infatti qui troviamo tutte le classi base e classi di prestigio introdotte appositamente per le campagne a base di sesso.

Classi base

Imagist: Un incantatore divino spontaneo che basa il suo potere sulla bellezza. Oltre agli incantesimi (che attinge da una lista specifica) può contare su dei seguaci, ammaliati dal suo fascino.
Kundala: Una sorta di monaco, che porta su altri livelli la classica perfezione fisica dei suoi colleghi del manuale base. Inoltre è dotato di una breve selezione di incantesimi, in particolare per migliorare le proprie capacità.
Tantrist: Possono trasformare l’energia sessuale in energia magica, ottenendo quindi incantesimi. Questi possono essere appresi e trascritti sul proprio corpo sotto forma di rune.

Classi di prestigio

Disciple of Aaluran: Tendenzialmente chierici che intendono portare l’amore nel mondo. “l’amore”, sì avete capito. Classe da incantatori in 5 livelli, concede un dominio bonus e qualche potere minore.
Divine Celibate: “Facciamo un’avventura basata sul sesso?” “Ok, io faccio una classe che per codice di condotta non può compiere atti sessuali di nessun tipo, sì, astinenza completa”. In cambio di questa scelta per 5 livelli otteniamo qualche incantesimo, delle resistenze e un unicorno.
Dominator: Fruste, ceppi, manette, sguardi intensi, bruciature e tanto altro. Il BDSM è il suo secondo nome, meglio di 50 sfumature di grigio. Classe di prestigio da 10 livelli, per incantatori. Otteniamo bonus ad Autorità e vari poteri di dominazione mentale, oltre a far salire sempre gli incantesimi, che non fa mai schifo.
Fey Enticer: Classe da 5 livelli per folletti, che migliora le capacità magiche, conferisce qualche potere di dominazione e migliora gli incantesimi.
Frenzied Disciple: Classe da 10 livelli molto particolare, basata su frenesie primordiali e danza. Otteniamo capacità di affascinare e altre influenze mentali, e, d’altra parte, guadagniamo attacchi con gli artigli, squartare e potenziamenti fisici.
Harem Protector: “Dai, facciamo una campagna in cui copuliamo tutti come ricci?” “Provateci, io non solo non scopo, ma non faccio scopare voi“. Classe di 10 livelli, probabilmente pensata per dei PNG, ottima per resistere a compulsioni e proteggere le preferite del sultano. Oppure per rovinare il gioco agli altri, come preferite.
Knot Binder of Kaladis: Celebratori di matrimoni e ottimi acquisti per agenzie di incontri. Classe da chierici, con incantesimi che salgono ogni livello; inoltre concede vari poteri per vincolare gli altri ai voti e per distinguere le bugie dalla verità.
Metaphysical Spellshaper: Classe poco sessuale. Pensata ovviamente per incantatori, e in 3 livelli concede vari poteri per applicare facilmente la metamagia.
Pierced Mystic: Classe per incantatori che vogliono porre i propri incantesimi dentro a piercing da posizionare “dove più si preferisce”. Classe da 5 livelli, purtroppo rallenta la crescita degli incantesimi.
Rake: Uno skyll monkey basato sulle capacità seduttive e sul fascino. Ottiene bonus a varie abilità, poteri di ammaliamento e perfino un attacco furtivo.
Sacred Prostitute: Per chi vuole offrire il proprio corpo a una causa, nulla di meglio di questa classe di prestigio da 5 livelli. Permette di usare il sesso per curare, rimuovere malus e addirittura lanciare divinazioni.
Voyeuristic Seer: Classe da 3 livelli per incantatori specializzati nella divinazione. Ora, cosa ci potreste fare con la divinazione non devo essere io a spiegarvelo, vero?  

Purtroppo non possiamo esimerci dal compiere un’annotazione negativa: mancano regole per schiavi, dominati o che dir si voglia. Certo, non è così facile, però avrebbero potuto impegnarsi.

Incantesimi Sessuali

Capitolo 4: Qui troviamo qualche dominio e qualche incantesimo aggiuntivo, per rendere più “piccanti” gli incantatori. Possiamo migliorare il punteggio di Aspetto, maledire gli orgasmi altrui, depilarci in 6 secondi, togliere i vestiti, rendere impotenti, instillare gelosia e tanto altro ancora. Purtroppo non sono molti.  

Equipaggiamento per il Sesso

Capitolo 5: Qui troviamo una pletora di oggetti adatta a questo tipo di campagne. Oltre a giochi sessuali di vario genere (manette, fruste, dildo, ecc), troviamo contraccettivi, droghe per stimolare o inibire le prestazioni, e una discreta collezione di oggetti magici con capacità interessanti, come il Kama Sutra gnomico, il pene finto, armi masochiste e cose del genere. Le scelte sono varie e gli oggetti molto suggestivi.  

Divinità e Creature per Campagne a Sfondo Sessuale

Capitolo 6: Oltre a delle divinità più attente a certe esigenze dei fedeli, possiamo leggere la descrizione di diverse creature, come il Golem del piacere, la Succube maggiore e una vasta scelta di archetipi per chi abbia gusti particolari.  

Come Gestire Avventure con il Sesso

Capitolo 7: Anche questo, come il precedente, è un capitolo prettamente da Master, con vari consigli su come gestire le avventure e descrizioni di alcuni luoghi tipici. E questo è tutto, gente!  

Conclusione

Riassumendo al massimo: trovate alcune regole interessanti, classi, talenti, incantesimi e tanti oggetti. Potreste trovare perfino spunti di riflessione per arricchire le campagne “hard” e vari supporti per il master che si sia ritrovato costretto a cimentarsi in questa impresa. Ovviamente ricordate che si tratta di materiale non ufficiale, quindi non sarà accettato in tutti i gruppi.  

Se l’avete trovato interessante, potreste sfogliare le altre recensioni di materiale 3.5, o di altri giochi di ruolo.
Se invece siete proprio fan delle regole bizzarre a “sfondo” sessuale (pun intended), allora vi ricordo che esiste FATAL (probabilmente il gdr più brutto del mondo).