Gilgamesh – Fate – in D&D 3.5

Gilgamesh in questo caso è un personaggio di Fate.
Mi è stata richiesta la sua build, ma io non ho mai visto l’anime, quindi potrebbero esserci errori anche grossolani.

Risultati immagini per gilgamesh fate

Punti salienti: Genera portali attraverso i quali lancia delle spade. Possiede una spada speciale in grado di generare un turbine di immenso potere. Inoltre possiede chiaroveggenza e resistenza alla magia.

Valutazione livello: Gilgamesh è una divinità, viene indicata come superiore a Ercole, quindi deve avere Grado Divino 6 [Si veda Dei e Semidei per una spiegazione dei Gradi Divini]. Il livello deve essere quindi superiore al 20°.

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Umano, poi possiamo mettere qualche archetipo che non modifichi l’aspetto del personaggio, come Creatura Leggendaria o Suprema, le quali concedono, inoltre, resistenza alla magia.
Classi: Warblade and 10 [Tome of Battle], Bloodstorm Blade 10 [Tome of Battle], Maestro Tiratore 5. Psion 20 [Manuale Completo delle Arti Psioniche] .
Grazie allo Psion possiamo accedere a un potere molto interessante: Telekinetic Thurst,grazie al quale possiamo scagliare fino a 15 spadoni entro 90 metri.
Caratteristiche: Devono essere tutte spaventosamente alte, ma visto il livello non sarà difficile.
Talenti: Servono i talenti di requisito per le CdP, poi qualsiasi altro talento da combattimento a distanza andrà bene.
Consiglio Reliquia ancestrale [Libro delle Imprese Eroiche], anche se inspiegabilmente è solo per personaggi buoni. Se il master è fiscale (master? Esiste davvero qualcuno disposto a gestire un personaggio di grado divino 6?) ripiegate su Oggetto Famiglio [Arcani Rivelati]; potendo prendeteli entrambi. In questo modo la nostra EA sarà più potente possibile.
Inoltre per creare un po’ di spade possiamo prendere dei talenti di creazione oggetto (e magari potenziarli con le versioni epiche o addirittura Poteri Divini).
Volendo scagliare più di 15 spade al round possono tornarci utili i talenti di metapsionica come Linked Spell, Poteri Rapidi, Poteri Rapidi e via dicendo; oltre a tutto quello che migliora il focus psionico.  Se 90 metri sono pochi prendiamo anche Poteri Ingranditi.
Poteri Divini [Dei e Semidei]: Arciere Divino ; Potenziamento Sensoriale, Celerità Divina.
Equipaggiamento: Oltre al migliaio di spade che ci servono (volendo alcune possono avere potenziamenti vari) dobbiamo occuparci dei portali. O li simuliamo con un potere di illusione, oppure reperiamo tanti buchi portatili e dei Servitori Inosservati (o qualche potere telecinetico) per aprirli e il gioco è fatto.
Inoltre consideriamo che essendo una divinità possiamo creare, stando a quanto afferma [Dei e Semidei] 5 spade al round come azione gratuita.

EA: Oltre ad avere un buon bonus di potenziamento, potrebbe essere accumula incantesimi, per rilasciare effetti simpatici sul colpo.
Possiamo lavorare in due modi: o si crea un oggetto custom che possa usare alcuni incantesimi basati sul vento, oppure dobbiamo seguire le regole per la creazione delle armi. Quindi dovrà essere un oggetto intelligente e a quel punto dovremo ripiegare su poteri simili, come Grido o Telecinesi.

Varianti e Considerazioni:
Non ho bene idea di come funzionino i portali di Gilgamesh, però qui abbiamo qualcosa che ci può assomigliare. Inoltre si possono lanciare tantissime spade a 8 km di distanza senza penalità.
Per la resistenza alla magia se non possiamo accedervi tramite razza dovremo ripiegare su talenti/poteri/oggetti.
Grazie a Ernesto Amatruda per le critiche costruttive, se ne avete altre “fate” pure, perché non ho mai visto questo anime.

La sfida è chiara: ogni personaggio è replicabile

Se vi interessa, il fumetto è facilmente reperibile:

Fate/Zero: 1

Un commento su “Gilgamesh – Fate – in D&D 3.5”

Lascia un commento