Vai al contenuto

Salve, sono Nerdcoledì, forse vi ricorderete di me per post come "Ogni Personaggio è Replicabile in D&D 3.5" o "Ogni Personaggio è Replicabile in Pathfinder?" (il tutto da leggersi inevitabilmente con la voce di Troy McClure). Sono qui oggi per affrontare l'annoso problema della replicabilità di personaggi in D&D 5e. Ovviamente il sistema si presta molto meno, salvo l'utilizzo pesante di varianti e reskin. Però mi è venuta un'idea per la scheda di Goku, quindi ve la propongo.

Risultati immagini per goku scimmione

Di solito inizio queste schede spiegando chi sia Goku, però non credo di dover dirvi chi sia il protagonista di Dragonball, uno degli shonen più noti di sempre.

Valutazione Livello: Goku a inizio serie è di livello 3, circa, a fine DBZ siamo oltre al 20, serenamente. Prendiamo un punto centrale a caso e diciamo che è di livello 9.
Punti salienti: Forte, resistente, agile combatte a mani nude, lancia una attacco energetico a distanza e si trasforma in uno scimmione.

Scheda

Razza: Umano. Ok, ci servirebbe una coda. Amen.

Classi: Monaco 2 Warlock 7. (Questa è la seconda volta che uso il warlock per replicare un personaggio di un anime, inizio a pensare sia molto adatto) Il monaco ci dà le competenze necessarie nel combattimento, invece con Warlock otteniemo l'Eldricht Blast che fungerà da onda energetica (volendo possiamo prendere l'invocazione che spinge indietro di 3 metri, molto scenografica). Inoltre come invocazione a livello 7 prenderemo metamorfosi e indovinate in cosa possiamo trasformarci: già.

Talenti: Ormai non ci serve molto altro, possiamo potenziare le capacità atletiche o migliorare le caratteristiche e basta.

Equipaggiamento: se qualcuno sapesse come ottenere il bastone che si allunga e la nuvola speedy, gliene sarei grato. Però a un certo punto smette di usarli, quindi non è importante.

Varianti e considerazioni

Il warlock ci dà anche qualche incantesimo, però possiamo prendere solo quelli di attacco e usarli come variante dell'onda energetica. Certo, il PG sarà sicuramente poco performante, ma tanto l'importante è divertirsi, no?
Per la progressione potreste puntare sul warlock e tralasciare il combattimento in mischia, anche se farlo snatura un po' il concept originale.

Altrimenti vi potete buttare su un monaco semplice, in fondo esistono varie sottoclassi per emulare lo stile shonen.

Se volete Qui ci sono altri contenuti riguardanti la quinta edizione.

La quinta edizione di D&D, che si chiami 5e, 5th edition, 5th, D&D 5 o perfino D&D 5.0, l'importante è che non la chiamate D&D Next, perchè ormai ha davvero poco senso, non essendo la prossima edizione di Dungeons & Dragons, ma quella attuale. Se siete interessati al gioco, potete trovare recensioni, ambientazioni e altri spunti che spero vi interessino.

Uccidere il Tarrasque a livelli bassi! Piccoli trucchetti per fregare uno dei mostri scritti peggio. Prima di "indinniarvi" leggete la seconda parte, eh.

Impero dell'Arcipelago. Ambientazione pensata per Rolemaster e riadattata in 5e.

Recensione D&D 5e. Panoramica introduttiva e opinioni riguardo l'ultima edizione del gioco di ruolo più famoso del mondo.

Replicare Goku in D&D 5e. In quinta edizione è davvero impossibile replicare tutti, però questa mi pareva piuttosto calzante.

Scheda Autocompilabile. Pratico supporto Excel per non dover calcolare ogni parametro.

2

Se siete qui probabilmente sapete chi è Thanos (perchè vuol dire che avete una connessione a internet), quindi non devo spiegare nulla sulla sua idea ineluttabile di dimezzare la popolazione dell'universo usando il suo bel guanto. Visto che il film degli Avengers (Endgame) è ormai imminente è tornato fuori l'argomento e ho avuto una discussione su quanto sia ragionevole il progetto di Thanos. Quindi, dopo aver cercato di dare la definizione di supereroe (QUA), torniamo in argomento con questo pippone metafisico appassionante articoletto.

Sì, Thanos ha (anche) Ragione

Che suona un po' come "Thanos ha fatto anche cose buone".
In effetti siamo schiacciati dalla sovrappopolazione, se fossimo la metà, le risorse a nostra disposizione sarebbero più che sufficienti e si risolverebbero un sacco di attriti, nonché i problemi di smog e traffico.

Quindi io trovo che impegnarsi per ribilanciare il rapporto tra abitanti e risorse sia un'idea assolutamente valida e, anzi, sia praticamente necessario.

Certo, Thanos è un Fesso

Se voi vedeste una disparità tra risorse e utilizzatori e aveste un potere sconfinato, davvero dimezzereste i secondi? Ma veramente neanche per un millesimo di secondo vi balena nella vostra testolina bacata, appesantita da una grossa mascella, che forse potevate raddoppiare le risorse?

Leo Ortolani ha dato voce a questa perplessità con la sua famosa vignetta:

Risultati immagini per leo ortolani thanos raddoppiare

D'accordo. Poniamo che non si possa fare. A quel punto visto che vogliamo risolvere il problema delle risorse, perchè utilizzare il metodo cruento della sparizione di miliardi di individui?

Anche perchè, pensiamoci, se davvero la situazione diventa più stabile, si alzerà il tasso di crescita della popolazione, dunque in breve tempo la situazione tornerà come prima e sarà necessario un nuovo intervento omicida.

Alternative Utili allo Sterminio dell'umanità

Se proprio volete contenere il numero degli abitanti dell'universo, non basterebbe intervenire sulla loro capacità riproduttiva? Sarebbe meno cruento, più stabile sul lungo periodo e, sì, dannatamente meno scenografico per un film di supereroi. approfondimento).

Si eviterebbero incidenti, scompensi e lutti. Certo, sarebbe comunque una crudeltà, ma molto più lieve da sopportare e più funzionale!

Poniamo che anche questo sia fuori dalla portata del guanto (il quale allora avrebbe un potere spaventosamente limitato rispetto alle enormi aspettative, in pratica serve solo a menare e a disintegrare persone!).Dunque dobbiamo rassegnarci: se vogliamo sistemare il rapporto tra persone e risorse, non possiamo aumentare queste ultime, non possiamo ridurre la natalità, di migliorare la tecnologia per sfruttare meglio le nostre disponibilità non ne parliamo nemmeno!(?) Quindi cerchiamo di capire come dimezzare al meglio l'umanità.

Criteri di Sterminio

Thanos decide di sbriciolare metà degli umanoidi. Però non attua nessun tipo di scelta, anzi, fa in modo che la disintegrazione avvenga in maniera assolutamente casuale.

Potrebbe sembrare completamente insensato. Avrebbe la possibilità di scegliere chi eliminare, ma la scarta, decide di non utilizzare nessun criterio e di procedere con bruta casualità.

La maggior parte delle persone starà pensando che si tratti di una follia: già che stiamo cercando di migliorare il mondo, perchè non eliminare le persone peggiori? Già. Ma chi sono le persone peggiori?

Io vi sfido a trovare un criterio per eliminare il 50% degli umani che possa essere condiviso almeno dai vostri amici. Questo per dire che, ovviamente (anche senza scomodare la Scuola di Francoforte), qualsiasi approccio critico sul mondo è viziato da pregiudizi (non farò una lezione di epistemologia sostenendo la validità dei pregiudizi. Non ora, almeno). Dunque nessuno può arrogarsi il diritto di decidere chi siano i meritevoli con la presunzione di essere dalla parte della Ragione.

Quella di Thanos, quindi, è una dimostrazione di maturità, un enorme gesto di umiltà e onestà intellettuale. Riconosce di non avere le capacità sufficienti per operare una scelta giusta e quindi si affida al caso.

Conseguenze

Tutto molto bello, eh. Però fermiamoci un secondo a osservare i risultati.
Sopravvive Capitan America, quel pallone gonfiato militarista, nazionalista e ottuso, mentre muore un personaggio tutto sommato simpatico come Doctor Strange. Davvero non c'era modo di evitare un risultato così scabroso?

Certo, mi dicono (non so quanto sia vero) che ai tempi di Civil War i fan di Cap fossero superiori a quelli di Iron Man. Questo se fosse vero (oltre ad abbassare la scarsa stima che nutro per il genere umano) vorrebbe dire che statisticamente se una persona avesse avuto il potere del guanto per dimezzare l'umanità avrebbe scelto di salvare il pagliaccio con lo scudo invece del genio miliardario play boy filantropo. Dunque probabilmente i risultati non sarebbero stati migliori nemmeno utilizzando un criterio volontario e non casuale.

Però a conti fatti, rinunciare a una possibilità del genere è davvero una dimostrazione di responsabilità, oppure stiamo agendo in maniera "ponziopilatesca"?

Forse tentare di raggiungere un obiettivo, anche si trova palesemente oltre la nostra portata, è un modo per migliorarci? Quindi, sebbene l'oggettività sia irraggiungibile per il genere umano, forse tentare di stilare un criterio potrebbe servire a incrementare le nostre capacità di analisi.

Ditemi la vostra, che son curioso.
Se non vi pare che abbia detto troppe stupidaggini, potreste sfogliare la sezione Fumetti o Manga e quella Anime o Cartoni.

Se invece siete fan sfegatati di Thanos, potreste guardare questo: Avengers: Infinity War - Thanos Titan Hero Power FX (Personaggio 30cm, Action Figure), E0572EU4
O meglio ancora questo: Marvel Legends - Guanto dell'Infinito di Thanos (elettronico), E0491EU4

A volte capita un vuoto di memoria, oppure di avere un amico che non conosce il significato di nessuna sigla e di dovergli dare una spiegazione, quindi può essere comodo avere una sorta di dizionario dei termini ricorrenti nei giochi di ruolo, completo di definizione ed eventuale traduzione. Quindi se per caso notate delle mancanze in questo glossario, vi invito a indicarmele per renderlo completo.

Se cercate un termine specifico, potere utilizzare la funzione cerca con control + f, oppure "trova nella pagina".

Significato delle sigle

AC: Armor Class. La Classe Armatura.
AdO: Attacco di Opportunità. Un attacco bonus ottenuto quando il bersaglio abbassa le difese.
AoE: Area of Effect. Indica effetti che influenzano un'area. Esiste un significato molto meno diffuso che sarebbe: Attack of Energy: attacco basato sull'energia.
AP: Adventure Path (Avventure unite in una Campagna) ma anche Ability Point (Punti Abilità).
BAB: Bonus Attacco Base. La capacità combattiva di un personaggio.
BG: Background.
CA: Classe Armatura.
CD: Classe Difficoltà. Il numero che bisogna ottenere per raggiungere un certo risultato.
CdP: Classe di Prestigio.
CL: Caster Level.
CR: Challenge Rating. Vedi Grado di Sfida.
D6: Dado a sei facce. Esistono abbreviazioni identiche per tutti gli altri tipi di dado. Secondo voi quanti dadi esistono? QUA una bella carrellata.
DC: Difficult Class, la Classe Difficoltà.
DM: Dungeon Master. Vedi Master.
DR: Damage Reduction. La Riduzione del Danno.
DV: Dado Vita (o Dadi Vita)
ECL: Effective Character Level. Livello Effettivo del Personaggio.
EUMATE: Entra Uccidi il Mostro e Arraffa il Tesoro ed Esci. Acronimo che indica uno stile di gioco in cui si privilegia il combattimento fine a sé stesso.
GdR: Gioco di Ruolo. Se non sapreste come definirlo QUI trovate la mia descrizione.
GM: Game Master, vedi Master.
GS: Grado di Sfida.
HD: Hit Dice, vedi Dadi Vita.
HP: Hit Point. Termine molto migliore rispetto a Punti Ferita.
HR: House Rules. Vale a dire regole fatte in casa, varianti non ufficiali. Tipo QUESTA.
LA: Level Adjustment. Il Modificatore di Livello.
LARP: Live Action Role-Play. Giochi di ruolo dal vivo.
LC: Level Cap.
LEP: Livello Effettivo del Personaggio.
LoE: Line of Effect.
LoS: Line of Sight.
Lvl: Livello, ovviamente.
MdL: Modificatore di Livello.
NPC: Non Player Character. Personaggio Non Giocante.
OGL: Open Game License. Una licenza open content globale.
PF: Questi sono i famigerati Punti Ferita.
PC: Di solito è Personal Computer, ma in ambito RPG si tratta di Player Character: Personaggio Giocante.
PG: Personaggio Giocante.
PNG: Personaggio Non Giocante.
RAI: Rules As Intended. Contrapposto a RAW.
RAW: Rules as Written. QUI trovate una spiegazione estesa dei termini.
RD: Riduzione del Danno.
RI: Resistenza Incantesimi.
RPG: RolePlay Game. Il Gioco di Ruolo.
SoD: Save or Die.
SoS: Save or Suck.
SR: Spell Resistance. Vedi Resistenza Incantesimi.
ST: Saving Throw. Cioè i Tiri Salvezza.
TACH0: To Hit Class Armor 0. La versione contorta e controintuitiva del Bonus Attacco Base usata in AD&D.
TPK: Total Party Kill. LA totale uccisione del gruppo, come dicevano su una vecchia pagina FB.
TS: Tiro Salvezza.
TxC: A volte TpC. Il Tiro per Colpire. Usato anche per intendere il bonus a questo tiro.
XP: Anche detti EXP, PE, PX. Sono i punti Esperienza.
WBL: Wealth By Level. La misura delle ricchezze che un personaggio dovrebbe avere a ogni livello.

Significato e Traduzione dei Termini

Abilità: La capacità di un personaggio di risolvere un determinato compito. Tendenzialmente è indicata con un numero. Alcuni la confondono con l'abilità del Giocatore. Potete picchiarli o fargli leggere QUESTO.
Allineamento: Indica le posizioni del personaggio in termini di etica o di morale.
Ambientazione: Il mondo in cui si svolge il gioco. QUI se volete ci sono le ambientazioni che ho prodotto.
Arbitro di Gioco: Vedi Master.
Avventura: Una storia più o meno autoconclusiva a cui partecipano i personaggi.
Background: La "storia" del personaggio, i retroscena e dettagli importanti che lo riguardino relativi al periodo precedente all'avventura vera e propria. QUA i background che ho scritto.
Build: Costruzione. L'insieme delle capacità selezionate nella stesura della scheda. Oppure, l'insieme dei dettagli tecnici e meccanici della scheda.
Campagna: L'insieme di varie Avventure più o meno legate tra loro da un filo conduttore.
Capstone: Capacità finale che si ottiene al massimo livello e dotata di una certa appetibilità.
Caster: Incantatore. Spesso usato per riferirsi a chi lancia incantesimi davvero, non come i Ranger (scusatemi).
Caster Level: Livello Incantatore. Tendenzialmente il Livello di Classe nella classe che conferisce le magie. Viene usato come variabile per alcuni particolari degli incantesimi.
Clan: In Vampiri, Mondo di Tenebra, sono casate di vampiri, appunto.
Classe: In alcuni giochi è una sorta di professione del personaggio. In altri è più un "pacchetto di abilità" QUI ho trattato un po' la questione.
Classe Armatura: L acapacità difensiva del personaggio.
Classe di Prestigio: Una classe d'élite, cui si può accedere solo se si posseggono determinati requisiti.
Classless: I Giochi di Ruolo classless sono, appunto, privi di classi. Come ad esempio GURPS o Urban Heroes (recensito QUI). Al posto delle classi troviamo unaserie di capacità selezionabili.
Codzilla: Cleric or Druid + Godzilla. In pratica una build particolarmente forte da Chierico e Druido focalizzata sul combattimento. (Per vedere i migliori incantesimi per riuscirci fate un salto QUI)
Critico: Noto anche come Critico positivo. Un successo straordinario in seguito a un tiro particolarmente alto sul dado.
Crunch: La componente strettamente meccanica/regolistica di una descrizione. Opposto di Fluff
Dado Percentuale: D100, dado 100, vale a dire un dado a 100 facce (o due dadi a dieci facce che rappresentino decine e unità)
Dado Vita: Indica sia il tipo sia il numero di dadi tirati per calcolare i Punti Ferita di una creatura.
Debuff: Effetto indebolente in grado di limitare le capacità del bersaglio.
Diceless: Termine usato per definire i giochi privi di dadi. Quindi sia quelli come Sine Requie (recensito QUI), in cui si utilizzano diversi sistemi di generazione casuale, sia quelli, come Lovecraftesque in cui non vi è casualità in senso stretto.
Dungeon: Letteralmente "Sotterraneo". Il termine viene utilizzato per definire una qualsiasi zona abbastanza chiusa, isolata e dettagliata in cui si svolga l'avventura.
Dungeon Crawl: Stile di gioco fondamentalmente simili all'EUMATE.
Fallimento Critico: Risultato catastrofico ottenuto grazie a un numero decisamente negativo sul dado.
Face: Uno dei ruoli del gruppo. Si tratta del personaggio preposto alle relazioni sociali.
Forgita: Gioco "Indi", o "new wave", derivante dal nuovo approccio di cui fece bandiera il forum The Forge. In pratica, come Polaris, Cani nella Vigna o FIASCO, si tratta di giochi con una fisica del mondo quasi assente (non aspettatevi di trovare quanti punti ferita ha una parete, per dire) e concepiti per un'esperienza di gioco mirata (quindi non infiniti tipi di avventure possibili in infiniti mondi, ma più "in questo giocosi parla delle avventure di questo gruppo di sceriffi itineranti che risolvono problemi di città in città". Confesso di non averli mai provati, quindi accontentatevi di una descrizione approssimativa.
Fluff: La parte di una descrizione in cui non compaiono regole o meccaniche. La parte che viene modificata quando si fa Reskin (QUI la definizione estesa).
Fumble: Un Fallimento Critico.
Gamista: Tipo di gioco di ruolo in cui si privilegia l'aspetto ludico, nel senso che le regole mirano a un'alta funzionalità su supporti come miniature e griglia. D&D 4e viene spesso preso come massimo esempio di questo gruppo.
Giocatore: La persona che partecipa al gioco. Spesso il Master non viene catalogato come giocatore.
Gish: Tipologia di personaggio basata sulla combinazione di magia e di combattimento in mischia.
Glass Cannon: Tipologia di personaggio caratterizzata da un grande potenziale offensivo, ma da un'enorme fragilità. Spesso i maghi sono rappresentativi del genere.
God: Tipologia di personaggio in cui si svolge un ruolo simile al regista. In pratica coi propri poteri si cerca di modificare il campo di battaglia (ma in generale tutte le situazioni) in modo favorevole al gruppo. Detto anche Controller.
Grado di Sfida: Un numero indicativo del livello di pericolosità di una creatura. Usato talvolta per altri tipi di sfide (trappole, eventi atmosferici...). Spesso non è particolarmente bene assegnato, per cui capita di poter sconfiggere nemici enormi a livelli bassi (QUI trovate alcuni esempi)
Gruppo: Insieme dei Giocatori che partecipano alla Sessione. A volte inteso anche per definire l'insieme dei loro PG. (Se per caso volete trovare gruppo QUI ho raccolto i suggerimenti migliori che conosca)
Healer: Tipologia di personaggio incentrata sulle cure e la rimozione di malattie e afflizioni varie.
House Rules: Regola casalinga. Variante alle regole non ufficiale.
Iniziativa: Valore utile a determinare l'ordine delle azioni in combattimento (e non solo).
Lamer: Esistono due accezioni: la prima è quella di disturbatore dei luoghi virtuali di ritrovo (come i forum), la seconda fa riferimento a chi sfrutta bug e falle di un sistema regolistico per assicurarsi una facile vittoria.
Level Cap: Ilmassimo livello raggiungibile. Ad esempio in D&D 3.5 non c'è, in Pathfinder è il 20, in E6 è (indovina un po') il 6.
LibroGame: Via di mezzo tra un GdR e un romanzo. QUI la descrizione completa.
Line of Effect: Linea di effetto. L'assenza di qualunque tipo di ostacolo tra il personaggio e il bersaglio.
Line of Sight: Linea di visuale. L'assenza di limiti alla visibilità tra il personaggio e il bersaglio.
Livello: Un numero che indica la potenza di un personaggio. Poi il fatto che esistano i Tier (Spiegati QUI) lo rende un indicatore impreciso. Resta tuttavia come indicatore rigoroso dei progressi ottenuti dal personaggio grazie all'esperienza.
Livello di Classe: Il numero di livelli in una specifica classe.
Livello di Incantesimo: Spesso gli incantesimi sono classificati in base alla difficoltà di acquisizione da parte dei personaggi. Come si può vedere QUI questo spesso non trova riscontro nella potenza effettiva dell'incantesimo.
Livello (effettivo) di Personaggio: Il livello, appunto, comprensivo del Modificatore di Livello.
Lore: L'insieme delle informazioni che caratterizzano l'Ambientazione.
Master: Detto anche Arbitro di Gioco, Game Master, Narratore o Dungeon Master. La persona che gestisce tutto quello che non ricade sotto il controllo dei giocatori, arbitra e narra la storia. Il suo ruolo specifico varia a seconda del gioco.
Masterless: Giochi in cui manca la figura del master. Usato spesso per riferirsi anche a giochi in cui il ruolo del master viene spartito tra vari giocatori o ricoperto a turno nel corso della medesima sessione.
Meccanic
a: Regola, funzionamento.
Metagame: (metagamer) Ho provato a dare una definizione QUI.
Modificatore di Livello: Un incremento delle potenzialità che va ad aumentare il Livello Effettivo di Personaggio, proveniente da una fonte non canonica. In D&D 3.5 ad esempio lo si ottiene con razze o archetipi (QUI un archetipo surreale che ho inventato)
Modulo: Detto anche Modulo Avventura. Un libro in cui viene proposta un'avventura prefatta da far giocare al proprio gruppo.
Mostro: Tendenzialmente ci si riferisce così a qualsiasi creatura. Oppure a chi non si presenta a sessione senza avvisare.
Multiclasse: Personaggio dotato di più di una Classe. QUI un approfondimento.
Munchkin: Persone che vogliono abusare degli errori e imprecisioni regolistiche al fine di ottenere maggior potere possibile per il proprio personaggio. Sì, è anche il nome del famosissimo gioco di carte.
Mundane: Personaggio privo della capacità di lanciare incantesimi. La definizione è più o meno rigida a seconda delle situazioni e a volte include anche incantatori da quattro soldi, come i paladini, ma a volte esclude personaggi dotati di poteri bizzarri, come gli Incarnum (se non sapete cosa sono, QUI trovate una spiegazione)
Narrativo: Tipologia di GdR in cui il successo delle azioni deriva maggiormente dalle descrizioni e interpretazioni rispetto che ai tiri di dado (se presenti).
Narratore: Vedi Master.
Naturale: Riferito a un tiro di dado, lo si intende privo di modificatori.
One-Shot: Tendenzialmente avventura che si dovrebbe poter concludere in una sola Sessione. Raramente si usa il termine per indicare un'uccisione avvenuta con un solo colpo.
Ottimizzazione: La scelta delle migliori opzioni per uno scopo specifico. Molti non la distinguono dal Powerplayng. QUA una breve analisi della questione.
Personaggio Giocante: L'alter ego immaginario gestito dal Giocatore.
Personaggio non Giocante: Una persona immaginaria non gestita da un giocatore (ma magari dal master).
Powerplayer: Chi cerca la potenza del proprio personaggio a tutti i costi. QUI un piccolo approfondimento e confronto col termine Ottimizzazione.
Punti esperienza: Numero atto ad indicare i progressi del personaggio. Tendenzialmente dopo averne acquisiti un certo numero si sale di livello.
Punti Ferita: Misura della capacità di danni che un personaggio può sopportare prima di essere K.O.
Railroading: Forzare gli avvenimenti e le possibilità di scelta dei PG per costringere la trama entro binari prestabiliti. Roba da alzarsi dal tavolo e uscire.
Razza: Spesso sarebbe meglio parlare di Specie, per essere formali. Infatti il termine viene usato per riferirsi ad Elfi, Orchi, Nani e cose simili.
Regola Zero: Regola aurea, Regola d'Oro. Non so perchè sia d'oro. Io non sono un grande fan di questa regola. In pratica afferma che il Master può modificare qualsiasi regola o avvenimento voglia, a seconda del suo gusto (per non dire capriccio).
Reskin: Concetto affine al Refluff. Spiegato per esteso QUI.
Retloclone: Un gioco che mira a riprodurre alcune dinamiche tipiche di un gioco più vecchio, magari basandosi sulle componenti OGL.
Riduzione del Danno: Effetto in grado di diminuire i danni subiti da un attacco.
Riserva di Dadi: Numero che indica la quantità di dadi che è possibile tirare in aggiunta o in sostituzione al proprio tiro normale. Meccaniche simili sono presenti ad esempio in Shadowrun.
Roll Playing: Quando si gioca solo per tirare i dadi, senza interpretare.
Rule Lawyer: Chi spulcia i dettagli regolistici cercando di trovare cavilli per raggiungere i propri scopi. Raramente è usato in senso non dispregiativo, per indicare gli approcci regolistici molto rigorosi.
Ruolo: Le mansioni che tipicamente è in grado di svolgere un personaggio.
Save or Die: Dicesi di un effetto in grado di uccidere se non vi si resiste, ma in caso contrario gli effetti sono nulli o quasi.
Save or Suck: Come sopra, ma invece che provocare la morte, si provoca "solo" una drastica riduzione delle capacità del bersaglio (come la metamorfosi in un topolino, per dire).
Scheda: Il foglio in cui vengono scritti tutti i dettagli regolistici e non riguardanti un personaggio.
Schermo: Schermo del master. Il cartoncino che i master usano per barare ai dadi o per impedire che gli spioni sbircino i segreti della missione.
Sessione: Detta sessione di gioco. Quel singolo evento, tipicamente la serata, in cui ci si trova per giocare.
Sessione Zero: Ci si riferisce in questo modo al primo ritrovo dei giocatori e del master, prima ancora di iniziare le sessioni vere e proprie, in cui si definiscono ambientazioni, stili di gioco, modalità di ritrovo, punizioni per gli assenti, ecc.
Setting: Ambientazione, grosso modo.
Skillmonkey: Personaggio basato sul gran numero di abilità.
Slot: Spazio virtuale in cui inserire una capacità. In D&D e Pathfinder viene usato per definire gli incantesimi lanciabili ogni giorno.
Speccare: Mutuato dai morpg. Indica la scelta di un certo tipo di specializzazione, di ruolo.
Splat Book: Manuale accessorio.
Tank: Tipologia di personaggio in grado di assorbire molti colpi e di difendere gli alleati.
Tier: Indicatore della capacità del personaggio di superare sfide. QUI spiegato per esteso.
Vanciano: Il sistema magico di D&D 3.5 e Pathfinder, in cui i maghi memorizzano gli incantesimi al mattino e appena li lanciano li dimenticano. Prende il nome da Vance, autore fantasy di cui non ho mai letto nulla e visto il funzionamento della magia ho paura a leggere.

Significato Abbreviazioni di Classi e Manuali di D&D e Pathfinder

Manuali di D&D 3.5

Attenzione: non è che le abbreviazioni siano proprio ufficiali, ognuno fa un po' come vuole. Quindi se trovate una sigla strana, usate anche la fantasia.

1 Trattasi di un manuale 3.0

Base, i core
PhB: Players Hand Book 
DMG: Dungeon Master's Guide 
MM o MM1: Monster Manual
PsiHB1: Psionics Handbook
XPH: Expanded Psionics Handbook

Espansioni

A&E, AEG, AEq, A&Eq, or A&EG1: Arms and Equipment Guide
BoC1: Book of Challenges
BoED: Book of Exalted Deeds
BoVD1: Book of Vile Darkness
DD, DDG, o D&DG1: Deities and Demigods
DMGII o DMG2: Dungeon Master’s Guide II
DrM o DraMa: Dragon Magic
E&A: Enemies and Allies
ELH1 : Epic Level Handbook
FF: Fiend Folio
HBG1: Hero Builders Guidebook
HoB: Heroes of Battle
HoH: Heroes of Horror
LGG1: Living Greyhawk Gazetteer
MH: Minatures Handbook
MM2 o MMII1: Monster Manual II
MM3 o MMIII: Monster Manual III
MM4 o MMIV: Monster Manual IV
MM5 o MMV: Monster Manual V
MoI: Magic of Incarnum
MotP1 : Manual of the Planes
OA1: Oriental Adventures
PHBII o PHB2: Player's Handbook II
PlH: Planar Handbook
SBG o SHBG1: Stronghold Builders Guidebook
SavS o SS1: Savage Species.
ToB: Tome of Battle: The Book of Nine Swords
ToM: Tome of Magic: Pact, Shadow, and Truename Magic
UA: Unearthed Arcana
WoL: Weapons of Legacy

Approfondimenti sulle classi

CAd o CV: Complete Adventurer
CAr o CA: Complete Arcane
CC o CCham: Complete Champion
CD: Complete Divine
CM: Complete Mage
CP o CPsi: Complete Psionics
CS o CScn: Complete Scoundrel
CW: Complete Warrior 
DotF1: Defenders of the Faith
MotW1: Masters of the Wild
S&F1: Sword and Fist
S&S o SS1: Song and Silence
T&B1: Tome and Blood

Approfondimenti sulle razze

RoD: Races of Destiny
RotD: Races of the Dragon
RoS: Races of Stone
RotW: Races of the Wild

Approfondimenti sulle creature
DotU: Drow of the Underdark
LM o LiMo: Libris Mortis
LoM o LoMad: Lords of Madness
FC1: Fiendish Codex I: Hordes of the Abyss
FC2: Fiendish Codex II: Tyrants of the Nine Hells

Compendium
MiC: Magic Item Compendium
RC or RuC: Rules Compendium
SC or SpC: Spell Compendium

Eberron
5N: Five Nations
CoS o CoSR: City of Stormreach
DoE: Dragons of Eberron
ECS: Eberron Campaign Setting
EHB: Explorer’s Handbook
FoE: Faiths of Eberron
FoW or tFoW: The Forge of War
MoE: Magic of Eberron
PGtE or PGE: Player's Guide to Eberron
RoE: Races of Eberron
SCT, S:CT, or S:CoT: Sharn: City of Towers
SoS: Secrets of Sarlona
SoX: Secrets of Xen'drik

FR (Forgotten Realms)
A:tEoS: Anauroch: The Empire of Sand
CoR: Champions of Ruin
CoV: Champions of Valor
CotSQ1: City of the Spider Queen
DoF o DoFR1: Dragons of Faerûn
F&P1: Faiths and Pantheons
FRCS1: Forgotten Realms Campaign Setting
LEF o LEoF: Lost Empires of Faerûn
LoD1: Lords of Darkness
MaF o MaFR1: Magic of Faerûn
MoF o MoFR1: Monsters of Faerûn
MoM o MotM: Mysteries of the Moon Sea
PGtF o PGFR: Player's Guide to Faerûn
PoF: Power of Faerûn
RoF o RaFR1: Races of Faerûn
SK: Serpent Kingdoms
SM1: Silver Marches
UE1: Unapproachable East
UND: Underdark

DL (DragonLance)
AoM: Age of Mortals
BoK: Bestiary of Krynn
DLCS: DragonLance Campaign Setting
THoS o THS: Towers of High Sorcery
WotL: War of the Lance

Manuali di Pathfinder

Se cercate una bella lista, date un'occhiata al sito PFSRD. Per la precisione QUI.

FAQ: Domande Frequenti

Chi ha vinto?

La risposta giusta sarebbe "nessuno" (oppure "tutti", se preferite), perchè è un gioco cooperativo. Quindi il master non sta cercando di uccidere i giocatori e questi non stanno cercando di fregarlo o farlo impazzire, anche se a volte sembra.

Poi certo, a volte capita che qualcuno vinca. Tipo quando il master prende da parte un giocatore per tutta la sessione per fargli svolgere azioni in gran segreto dagli altri. In quel caso vince la noia.

Cos'è un Gioco di Ruolo?

Ne esistono a centinaia e ci sono svariate tipologie, tutte diverse tra loro. Quindi è piuttosto difficile dare una buona definizione. Ci ho provato QUI.

Bisogna travestirsi?

Non è obbligatorio. Anzi, non lo si fa praticamente mai, a meno che non facciate LARP, in quel caso la ricostruzione visiva è parte fondamentale dell'esperienza ludica.

D&D è un gioco da bambini? Non sei troppo grande per giocare?

I bambini mangiano la cioccolata? Tu sei un bambino? Allora smetti!

Spesso nei giochi di ruolo come D&D o Pathfinder esistono abilità specifiche di relazione sociale, che siano chiamate abilità di parola, di Carisma, di fascino, di diplomazia, di oratoria o di persuasione, poco importa. Il punto è che con un tiro ben riuscito in una di queste abilità si otterrà la possibilità di influenzare una persona, tendenzialmente un personaggio non giocante (PNG). Molti master non apprezzano (annosa questione delle capacità del personaggio contro quelle del giocatore) che un giocatore possa ottenere questi effetti con un discorso mediocre dal punto di vista retorico, puntando di più sull'interpretazione. Quindi eccoci alla questione di oggi: per convincere o influenzare un PNG usando le capacità di carisma bisogna essere bravi oratori o è sufficiente un alto punteggio nelle abilità e un buon tiro di dado?

Cerchiamo di analizzare la situazione con serietà. Per cominciare bisogna convenire che sicuramente è più gradevole se invece di dire "Ragazzi, questa è un'occasione fondamentale, stiamo concentrati e diamo il meglio!", il giocatore riesce a produrre una roba del genere.

Però a parte differenze macroscopiche di questo tipo, va ricordato che le valutazioni estetiche possono differire da persona a persona e quindi il gusto del master potrebbe non essere il criterio assoluto di valutazione. So che per molti questo è un duro colpo e sarà difficile da digerire, ma potreste non essere i maggiori esperti mondiali in retorica e diplomazia, pur essendo master.

Inoltre una prestazione simile a quella citata da Ogni Maledetta Domenica non è alla portata di tutti (altrimenti Al Pacino non sarebbe giustamente strapagato, per dire). Quindi alcuni giocatori non saranno oggettivamente in grado di produrre un discorso all'altezza delle aspettative o per lo meno al livello di altri giocatori più portati. Dunque che soluzione ci si prospetta? Conviene davvero negare la possibilità per certe persone di giocare alcune tipologie di personaggio? Che effetto produrremmo dando dei malus a chi non sa effettuare discorsi coinvolgenti?
Avevo già scritto due righe in merito, riguardo la questione del "Dare Ricompense ai Giocatori che si Impegnano". Le trovate QUI. Però proviamo ugualmente a fissare il punto.

Conseguenze dell'aggiunta di varianti per limitare le abilità di parola

Non è difficile immaginare le conseguenze di una variante che obblighi i giocatori a performance convincenti se vogliono usare fruttuosamente le loro abilità di parola: alcuni giocatori non potranno giocare alcune tipologie di personaggio con efficacia, dunque si divertiranno meno.

Forse a questo punto starete pensando "vero, ma in questo modo altri si impegneranno di più e i loro discorsi saranno più gradevoli, più epici e memorabili". Sì, non lo nego. Spronare all'impegno con la promessa di un premio meccanico funziona. tuttavia non dobbiamo dimenticare altre conseguenze indesiderate. Ad esempio i giocatori ansiosi di collezionare bonus e dotati di un forte egocentrismo saranno spinti a far durare a lungo le loro esposizioni, alla ricerca di un livello di epicità che non sono in grado di raggiungere, annoiando terribilmente il resto del gruppo. Lo sappiamo tutti: questi soggetti esistono e in cuor vostro lo sapete che hanno bisogno di tante cose, ma sicuramente non di incoraggiamento!

Abusi Sgradevoli Quando si fa un Tiro Alto

A parte il fastidio di vedere il personaggio che riesce a convincere i PNG con un discorso mediocre, potrebbero esserci altri problemi che mi sento di mettere in risalto.

Fondamentalmente io non credo si possano cambiare le carte in tavola dopo aver visto il risultato del proprio tiro in diplomazia.

Quindi "Seguici, ti daremo 1000 monete d'oro". Tiro nell'abilità di persuasione: 20. "ah, no aspetta, gli chiedo di venire gratis".
Ecco, no.

A me è capitato che i pg provassero a fare mosse del genere, ossia tentare di giocare al rialzo in virtù del buon tiro effettuato. Personalmente ritengo sia sgradevole, se proprio si vuole tentare un rialzo bisognerebbe tirare di nuovo l'abilità in questione! Oppure, se le condizioni lo consentono, potrebbe essere il PNG stesso a dire "ma no, dai, vengo anche per 500 monete!".

Quello che mi sento di consigliare, dunque, è che prima venga pronunciata la frase, solo dopo si effettui il tiro, in modo da evitare che i giocatori si approfittino della fortuna per mirare a risultati considerevoli senza assumersi rischi.

Insomma, facendo un'analogia col combattimento, sarebbe come tirare per colpire e in caso di tiro sopra la media decidere che si stava mirando all'avversario corazzato e in caso contrario a quello privo di armatura!

Coerenza: Davvero Bisogna Saper Parlare?

Feriamoci un istante a riflettere. Chiedere che il giocatore sappia parlare bene per far sì che il suo personaggio possa usare le abilità di carisma, è come richiedere che sappia esporre le basi teoriche della scherma per consentirgli di vibrare attacchi efficaci.

Vi immaginate la scena?
G: "Attacco con la mia spada"
DM: "Ok, come?"
G: "Non so, faccio così e provo a infilzarlo"
DM: "Gesto approssimativo e scontato. Ottieni un -5. Poi provi a usare di punta una spada con una lama di 70 cm. Male, un altro -5. Senza contare che col tipo di armatura indossata dal bersaglio..."

Ok se durante una partita a Dungeons & Dragons il master facesse una cosa del genere, io molto probabilmente mi alzerei per andarmene.

Ho utilizzato l'esempio del combattimento perchè è il più immediato, ma lo stesso discorso vale per l'artigianato, la furtività, la scalata...
Insomma, il PG ha delle abilità che rappresentano le sue capacità, se io devo usare le mie competenze e non le sue, perchè perdo tempo a fare la scheda?

Se proprio la vostra sospensione dell'incredulità viene minata dall'uso delle abilità di parola, potete ricorrere a uno stratagemma: fingete che le frasi del personaggio non siano le stesse pronunciate dal giocatore, le quali rappresentino semplicemente un canovaccio, una linea guida, un riassunto.

Puntualizzazioni

Attenzione, non sto dicendo che bisogna assolutamente evitare discorsi aulici e tentativi di produrre arringhe coinvolgenti. Se il giocatore è bendisposto e vuole provare, ben venga. Anche un blando incoraggiamento in tal senso non lo vedo lesivo del buon gioco.

Quello che mal tollero è il ricorso ad abilità del giocatore laddove vi siano specifiche abilità del personaggio per effettuare proprio quell'azione.

Inoltre non mi piace che vengano puniti ed emarginati i giocatori timidi, poiché così facendo non si ottiene assolutamente il risultato sperato e si riduce il coinvolgimento invece che aumentarlo.

Se volete dare bonus meccanici a seconda dell'orazione del giocatore, io consiglio di basarsi non sulla qualità del discorso, ma sulla scelta della strategia.
Se ad esempio il giocatore i ricorda di un tasto dolente del PNG, di un modo per alludere alla sua ricattabilità, oppure se intuisce un modo di esporre la questione che metta in luce i vantaggi che ne seguirebbero se il PNG desse ascolto alle sue parole, allora trovo ragionevole dare un bonus al tiro, allo stesso modo in cui lo si ottiene in combattimento quando si riesce a fiancheggiare.

Sottolineo che a differenza delle valutazioni estetiche sulla "vis retorica" dei discorsi, qui siamo in un ambito meno soggettivo, inoltre si lascia maggior spazio alla collaborazione tra i giocatori, i quali potrebbero cooperare per formulare assieme le frasi migliori da proferire per convincere il PNG in questione.

Favorire il gioco di squadra, invece che la competitività, potrebbe essere una delle cose migliori da fare al tavolo di gioco (e magari anche sempre nella vita).

Se non vi sono sembrate stupidaggini, date uno sguardo agli altri post del genere: QUI.

4

Proviamo a ricreare il famoso supereroe Daredevil, noto come il Diavolo di Hell's Kitchen, facendo la sua scheda per Pathfinder. Se invece la volevate in D&D 3.5, la trovate QUA. Magari invece vi interessa The Punisher in D&D 3.5.

La serie TV Netflix meriterebbe un discorso a parte.

Punti salienti: Salta, corre, picchia, ma, soprattutto, è cieco e nonostante questo riesce a percepire tutto.
Valutazione livello: Basandoci sulla serie TV, in fin dei conti a parte il superpotere "da pipistrello" non è che sia poi questo fenomeno: prende delle gran sberle di continuo! Però incassa bene ed è agile. Andiamo sul 6, via, esageriamo.

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Umano
Classi: Monaco Unchained, archetipo: scarred Monk.
Il monaco ci dà la mobilità di cui abbiamo bisogno. Inoltre l'archetipo ci dà accesso a Eyes Stitched Shuts, grazie al quale otteniamo una sorta di Blindsense e Blindsight.
Caratteristiche: Il personaggio le avrebbe tutte alte. Cerchiamo di puntare su Destrezza e Saggezza.
Talenti: Racial Heritage e Keen Scent ci concedono olfatto acuto. Poi possiamo intraprendere la catena di Blinded Master, soprattutto Blinded Blade Style. Per il resto miglioriamo le capacità combattive e l'agilità.
Tratti: Con Adopted possiamo prendere Earth Sense e guadagnare una percezione tellurica limitata. Blind Zeal ci conferisce alcuni bonus interessanti finché siamo ciechi.
Equipaggiamento: Nulla di particolare.

Varianti e Considerazioni:
A questo livello è spacciato. Non ha ancora le capacità necessarie per fare a meno della vista. Non sono riuscito a fare di meglio.

Arrivando a livello 11 potremmo fare meglio, avendo accesso a Improved Eldricht Heritage (Possessed e Deep Earth) oppure a livello 9 Blinded Master (visto che come mi hanno segnalato i talenti di requisito abbassano i requisiti di Percezione!).

In alternativa potremmo forzare un po' la mano e fare del sano reskin per prendere l'incantesimo Echolocation.

Vediamo se anche in Pathfinder Ogni Personaggio è Replicabile.

Se volete approfondire, io partirei dai fumetti: L'uomo senza paura. Daredevil collection: 1

2

Proviamo a ricreare il famoso supereroe Daredevil, noto come il Diavolo di Hell's Kitchen, facendo la sua scheda per D&D 3.5. Se invece la volevate in Pathfinder, la trovate QUA. Magari vi interessa invece The Punisher in D&D 3.5.

La serie TV Netflix meriterebbe un discorso a parte.

Punti salienti: Salta, corre, picchia, ma, soprattutto, è cieco e nonostante questo riesce a percepire tutto.
Valutazione livello: Basandoci sulla serie TV, in fin dei conti a parte il superpotere "da pipistrello" non è che sia poi questo fenomeno: prende delle gran sberle di continuo! Però incassa bene ed è agile. Andiamo sul 6, via, esageriamo.

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Umano
Classi: Swordsage 6 [Tome of Battle] variante con il colpo senz'armi. Decisamente la classe più agile del gioco.I salti come azione veloce, le capacità di combattimento a mani nude, tecniche raffinate e furtività. Direi che ci siamo. A renderlo perfetto, abbiamo anche una stance (Hunter's Sense) che ci permette di avere Olfatto Acuto.
Caratteristiche: Oltre alle caratteristiche fisiche ci servirebbero tutte le mentali, diciamo che per necessità di build potremmo puntare soprattutto su Destrezza, Costituzione e Saggezza per massimizzare Ascoltare.
Talenti: Scorpion's Sense [Sandstorm] ci concede una bella percezione tellurica. Per il resto prendiamo le solite cose per migliorare agilità e combattimento.
Equipaggiamento: Blindfold of the True Darkness [Arms and Equipement Guide] con questo oggetto (rullo di tamburi) guadagniamo Vista Cieca e perdiamo la vista normale.

Varianti e Considerazioni:
Il punto debole della build è la ristrettezza delle capacità percettive, però non credo ci siano molte possibilità di aumentarle. Inoltre, seppur molto calzante, il Blindfold è un oggetto magico, quindi in un Campo Anti Magia o in caso di furto, rimaniamo senza Vista Cieca. Possiamo virare quindi su incantesimi oppure su privilegi di classe, come lo Shade Hunter [Champions of Ruin].

Se vogliamo cambiare genere, potremmo usare come razza base un Grimlock e fare del sano reskin.

Altrimenti possiamo fare qualcosa di bizzarro e fare uno Psion [Expanded Psionc Handbook] Monaco e magari prendere il talento Tashalatora [Secret of Sarlona] per far combinare le due classi. A quel punto con il potere Touchsight [Expanded Psionc Handbook] possiamo ottenere una buona visione, anche se limitata ai nostri Punti Potere (QUI trovate un'introduzione agli Psion). Se volete esagerare, ottenete una telepatia e andate a prendere Mindsight [Lord of Madness].

Dai, secondo me Ogni personaggio è Replicabile

Se volete approfondire, io partirei dai fumetti: L'uomo senza paura. Daredevil collection: 1

Chi non conosce il protagonista del manga e dell'anime Berserk? Gatsu (noto come Guts nell'edizione italiana dell'anime) resta anche abbastanza impresso, con quello stile un po' barbarico e quello spadone enorme alla Final Fantasy... Vediamo ora la sua scheda in Pathfinder. Se la cercavate in D&D 3.5, cliccate QUI.

000gatsu5

Punti salienti: Grosso. Ha una spada "grossa più grossa", picchia come un fabbro, combatte in preda all'ira.
Valutazione livello: Può sconfiggere un corpo scelto, bloccare un intero esercito. Possiamo dargli un bel 12, senza esagerare.

Scheda

Suggerimento build:
Razza: Umano.
Classi: Barbaro 12, archetipo Titan Mauler. Grazie a questo possiamo maneggiare una spada enorme in modo da compensare evidenti ristrettezze in altre zone.
Caratteristiche: Forza! Tantissima Forza, poi Costituzione. Nessuna caratteristica andrebbe bassa, ad ogni modo.
Talenti: Non ci serve nulla di particolare, prendiamo le solite cose per alzare danni e resistenze.
Equipaggiamento: Uno spadone "grosso più grosso" (cit.) e un'armatura, poi facciamo come preferiamo.

Varianti e considerazioni:
Non era molto complesso, sinceramente. I problemi sorgono se non possiamo fare il Titan Mauler. Ci sono una serie di talenti per ottenere il medesimo risultato, ma sono 3d party (Titan Tecnique, Goliath Grip e Lighten Weapon).

Altrimenti potete considerare il guerriero anche per multiclassare, sappiate che con pochi livelli da Titan Fighter ottenete il medesimo risultato.

Se vi è piaciuta, controllate le altre schede della rubrica Ogni personaggio è replicabile in Pathfinder?

I fumetti della prima edizione costano circa un rene l'uno, ma se volete esiste una pratica ristampa: Berserk Serie Nera 1 - Quinta Ristampa